Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Suoni della Devozione, l'ultimo concerto dedicato ad Aldo

 

Si è conclusa ieri 6 gennaio la diciannovesima edizione dei Suoni della Devozione,  rassegna musicale organizzata dal Roberto Caroppo e la sua associazione culturale Adriatic Music Culture. Ieri presso la chiesa di Santa Maria degli Angeli alle 20 e 30 si è esibito il Quartetto Petra, che strumenti della tradizione natalizia come zampogne e ciaramelle, ha riscosso il gradimento dei tanti spettatori presenti.

Il Quartetto Petra-2

Per chiudere la rassegna Roberto Caroppo ha dedicato l’ultimo concerto ad Aldo (il clochard ucciso a Palermo) che tanto amava la musica, la città di Brindisi i brindisini. Il concerto si è tenuto alla presenza del sindaco Riccardo Rossi, che ha rivolto ai presenti gli auguri per il 2019. Mimmo Roma ha salutato il pubblico facendo i complimenti a Roberto Caroppo per come anche quest’anno ha organizzato la rassegna.

Clochard Aldo piazzale ungheria-2-2

Nella videointervista, Marcello Sacerdote del Quartetto Petra racconta come dei giovani musicisti si siano avvicinati a strumenti come le zampogne valorizzando le musiche della tradizione popolare. Elisabeth Heuberger, da sempre mecenate della rassegna,  spiega invece come mai ogni anno una cittadina elvetica venga a Brindisi per assistere ai Suoni della Devozione.

Potrebbe Interessarti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento