rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021

Don Ciotti al liceo Palumbo: "La mafia teme più la scuola che la giustizia"

Un fiume in piena, Don Luigi Ciotti, presidente nazionale e fondatore dell’associazione antimafia "Libera", che ipnotizza il pubblico al nel primo di una serie di appuntamenti che lo vedranno impegnati per tutta la giornata, fra Brindisi e Ceglie Messapica, in preparazione della XXIII “Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie” del 21 marzo, primo giorno di Primavera, che si svolgerà quest’anno a Foggia. Inizia puntualissimo e pieno di energie l’incontro presso il Liceo Palumbo con gli studenti.

Don Ciotti apre il dibattito con una premessa, dicendo al pubblico che lui non è un navigatore solitario (da cui bisogna diffidare), ma rappresenta un “noi” e passa la parola ai giovani che partecipano attivamente al dibattito con domande stimolanti. Don Ciotti si appassiona sempre di più e si concentra in maniera particolare alla domanda di uno studente, Riccardo Celli il quale chiede: quale dovrebbe essere il lavoro delle scuole nella lotta contro le mafie?

Don Ciotti risponde ricordando un suo caro amico, il quale sostituì il Giudice Chinnici (ucciso dalla mafia) e creò il pull antimafia coinvolgendo Falcone e Borsellino, Nino Caponnetto che disse: “La mafia teme più la scuola che la giustizia”. Don Ciotti chiede di non fare della legalità un idolo ma uno strumento per raggiungere la giustizia come obiettivo.

Don Luigi Ciotti al liceo Palumbo (2)-2

Successivamente il prelato  si è spostato a Cegliem dove ha incontrato gli studenti di Ceglie Messapica presso il Teatro Comunale in via San Rocco. Un appuntamento fortemente voluto dal presidio di Ceglie, cittadina che continua a ricordare e ad onorare le sue cinque vittime del caporalato: Pompea Argentiero, Lucia Altavilla, Donata Lombardi, Cosima Valente, Domenica Apruzzese. I loro nomi saranno letti il 21 marzo a Foggia e ovunque sarà celebrata la Giornata della Memoria e dell’Impegno, assieme ai nomi delle altre oltre mille vittime innocenti di mafia. Don Luigi Ciotti il 13 marzo a Ceglie incontrerà i familiari delle braccianti di Ceglie, grazie ai quali è stato possibile ricostruire le amare biografie di ognuna di loro, gli studenti di tutte le scuole di Ceglie, i rappresentanti delle associazioni e delle parrocchie socie del Presidio.

Don Luigi Ciotti al liceo Palumbo 3-2

Dalle ore 17 alle 18 sarà di nuovo a Brindisi per l’intitolazione del Presidio cittadino ai finanzieri vittime della mafia Antonio Sottile e Alberto De Falco, alla presenza dei familiari e delle istituzioni, presso il Centro di Aggregazione Giovanile "Brindisi per i Giovani" realizzato all'interno di un immobile confiscato alla criminalità organizzata con accesso dalla Strada per Contardo 60/A, quartiere Paradiso. 

Don Luigi Ciotti al liceo Palumbo-4

Infine dalle 18 alle 19.30 si svolgerà, sempre a Brindisi, l’incontro con i bambini e le famiglie dello stesso quartiere, il Paradiso, con il parroco don Cosimo Zecca e la cittadinanza nella Parrocchia San Nicola in Piazza Grazia Deledda. 

Video popolari

Don Ciotti al liceo Palumbo: "La mafia teme più la scuola che la giustizia"

BrindisiReport è in caricamento