Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Impatto industriale e salute, l'assemblea pubblica di "Vite Inquinate"

Intervista alla dottoressa Susi Epifani dell'Unità epidemiologica e di statistica della Asl di Brindisi, all'assemblea pubblica su emissioni industriali e salute organizzata da "Vite Inquinate"

 

Si è svolta a Brindisi un’assemblea pubblica sul tema “Emissioni industriali e salute dei brindisini” nella sala teatro della Parrocchia Cuore Immacolato di Maria del quartiere Perrino, a ridosso della zona industriale della città, quello più esposto all’impatto ambientale degli insediamenti limitrofi. Sulla delicata questione è intervenuta la dottoressa Susi Epifani dell’Unità epidemiologia e statistica della Asl di Brindisi. Moderatore della serata, il dottor Maurizio Portaluri direttore dell’Unità di Radioterapia dell’Ospedale Perrino.

I malati ed i parenti di ammalati che hanno denunciato le industrie brindisine per i linfomi e le leucemie che hanno colpito loro stessi e i loro congiunti si sono costituiti nella Onlus "Vite Inquinate - Comitato per il Diritto alla Salute". L'associazione avrà tra i suoi scopi quello di tenere alta l'attenzione sulle malattie da inquinamento, sostenendo quanti ritengono di esserne stati colpiti nel difficile cammino del riconoscimento e del risarcimento.

Brindisi, la zona industriale

Alla luce del recente studio epidemiologico pubblicato dalla Regione Puglia, all'inquinamento industriale sono riferibili anche molte malattie non tumorali. Vite Inquinate farà conoscere le storie di malattie da inquinamento e le porterà all'attenzione dell'opinione pubblica e delle istituzioni pubbliche, politiche e giudiziarie.

Uno degli scopi dell'associazione è infatti la costituzione di parte civile nei processi per i reati da inquinamento. Brindisi è sede di un vasta area inquinata per la quale non sono mai state individuate responsabilità né civili né penali e che attende da decenni di essere bonificata.

L'associazione aderisce al progetto di ricerca Toxic Bios (biografie tossiche) del Environmental and Humanities Laboratory del Politecnico di Stoccolma. Ora sono proprio le vittime di quell'inquinamento a chiamare a raccolta la popolazione perché le istituzioni preposte escano dall'inerzia. Vite Inquinate si occuperà anche di richiedere misure di prevenzione e cura all'altezza della complessa materia delle malattie ambientali includendo tra queste anche quelle da lavoro. (Per contatti Vincenzo Gaudino 3455238846  - Giorgia Masiello3478104774). 

Potrebbe Interessarti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento