Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un 8 Marzo di forti emozioni al Giorgi con la mamma di Noemi

 

BRINDISI - Un evento di grande impatto emotivo quello svoltosi all'Itt Giorgi di Brindisi nella mattinata dell'8 Marzo 2019 organizzato nell'ambito del Progetto camper "Questo non è amore" della Polizia di Stato e delle attività formative della scuola, dalla questura e da insegnanti e studenti.

La testimonianza di Imma Rizzo, la mamma di Noemi Durini, l'adolescente salentina uccisa dal fidanzato e gettata in una cavità nelle campagne, l'ascolto della telefonata di aiuto di una ragazza di 20 anni registrata da una sala operativa della polizia, la drammatizzazione della violenza di genere interpretata dagli attori del Teatro Aleph, hanno profondamente coinvolto e commosso il giovane pubblico. 

Come spiegano, ed esportano, nelle interviste Imma Rizzo che non smetterà mai di combattere in memoria della figlia, e lo. psicologo dell'Itt Giorgi, Vito Mauro Brugnola, la strada è quella di non nascondere la propria sofferenza e di aiutare anche gli altri a non celare le proprie. La richiesta di aiuto, la denuncia, la confidenza a una persona amica, ad un insegnante, a un familiare, è alle forze dell'ordine è un passo in difesa della propria vita e dei propri diritti. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento