Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Festa di S.Silvestro e solidarietà: 7 amici raccolgono fondi per ospedale e associazioni

 

BRINDISI – Sono stati costretti a emigrare lontano dalla loro città, sparsi fra l’Italia e l’Europa. La sera del 31 dicembre si sono riuniti, dando vita a un party benefico. Sette amici brindisini sono i promotori di un progetto ideato alla metà del mese di novembre e concretizzatosi il giorno di Capodanno 2018. Numerosi ragazzi che per motivi di studio o di lavoro hanno lasciato Brindisi hanno risposto all’appello dei sette, raccogliendo “una discreta somma”, circa 2mila euro. 

festa san silvetsro-2

Una parte del ricavato è stata donata, nel pomeriggio di oggi (5 gennaio), all’Andos (Associazione nazionale donne operate al seno), nel corso di una cerimonia che si è svolta presso l’ospedale Perrino, dove è ospitata la sede dell’associazione. Nei prossimi giorni, i proventi della festa verranno devoluti al reparto di Neonatologia del nosocomio brindisino, per l’acquisto di macchinari, e a un’associazione che si occupa di giovani cresciuti in un difficile contesto sociale. “La rimanente parte - fanno sapere gli organizzatori del party - dovrebbe invece finire in un gesto simbolico (una spesa o qualcosa di similare) per la Caritas”.

Donazione Andos party Capodanno 4-2

I ragazzi chiariscono di non essere “alla ricerca di gloria né di pubblicità. “Siamo giovani (dai 20 ai 25 anni) quasi ‘costretti’ ad emigrare dalla nostra città – proseguono - a causa delle sue dinamiche e di quello che, a volte, è un vero e proprio mal costume che accompagna la voglia di persone come noi di fare qualcosa di utile alla causa cittadina”.

“Quello che crediamo (e che speriamo) - è l’auspicio manifestato dai ragazzi - è che dare visibilità ad un progetto come il nostro, che ha unito l’utile al dilettevole, possa essere uno stimolo per altri giovani, magari già radicati sul territorio, ad impegnarsi per cercare di fare sempre qualcosa in più per la comunità”. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento