Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'antica tradizione dei maestri d'ascia: "Un'arte in via di estinzione"

Un tempo le lance erano imbarcazioni molto utilizzate e coprivano brevi tragitti per permettere agli equipaggi delle navi di raggiungere le banchine ed approvvigionare viveri.

 

Franco Romanelli in un collage di foto d'epoca-2

Le lance erano imbarcazioni in legno e si spostavano a remi, grazie alle braccia di possenti marinai.  Oggi queste imbarcazioni sono realizzate in materiali leggeri e che necessitano di poca manutenzione, però qualcuno a Brindisi riporta in vita le antiche lance in legno, mosso dalla passione e aiutato dai ragazzi che fanno parte dei “Remuri” associazione brindisina che partecipa a tante competizioni di voga, il suo nome è Francesco Romanelli conosciuto come Franco. 

Figlio di pescatori, Franco ci racconta il mestiere del maestro d'ascia e confessa il suo sogno nel cassetto: realizzare il museo Delle Sciabiche.
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento