Giovedì, 29 Luglio 2021

Rossi bis: i tre nuovi assessori si presentano

Le interviste a Emma Taveri (Turismo e promozione del territorio), Massimo Vitali (Attività prpduttive e Igiene pubblica) e Francesco Saponaro (Bilancio e Partecipate)

Una imprenditrice nel settore del turismo, un professore con importanti trascorsi nella pubblica amministrazione e un funzionario dell’Asl sono i tre nuovi assessori scelti da Riccardo Rossi per completare la giunta, dopo l’azzeramento delle deleghe deciso lo scorso 1 marzo.

Il nome più noto è quello di Francesco Saponaro (assessorato Bilancio e Partecipate), classe 1952, residente a Ostuni, assessore regionale al Bilancio fra il 2005 e il 2009, ai tempi del primo mandato del governatore Vendola, poi direttore generale di InnovaPuglia e tuttora presidente del Cetma. Saponaro, nel corso della conferenza stampa presieduta stamattina dal primo cittadino, ha fatto un cenno alle opportunità che si apriranno con il Recovery plan, anche nell’ambito della sanità territoriale. Ha fatto riferimento, a tal proposito, alla possibilità di applicare la telemedicina, perché “i Comuni non possono disinteressarsi di quelli che una volta erano definiti gli eventi della vita quotidiana”. “La sfida – dichiara Saponaro – è quella di compensare la rigidità della spesa corrente, magari rinegoziando alcuni aspetti troppo rigidi (riguardo ad esempio il personale, ndr) con i competenti organi ministeriali, per poi affrontare nel prossimo biennio la maturazione di quanto già è stato conseguito in termini di finanziamenti e progetti”. 

Leggi l'articolo sulla nuova giunta 

Emma Taveri (assessorato Turismo e promozione) ha un’azienda che opera nel settore del marketing in ambito turistico. Le sue idee di promozione del territorio si sono concretizzate nell’ottobre 2020 nel progetto del sea working, un’iniziativa di cui si è parlato a livello nazionale che ha dato l’opportunità a un giovane smart worker, selezionato fra centinaia di candidati, di lavorare per 10 giorni da una postazione in barca a vela, nel porto di Brindisi. “E’ un momento - dichiara la Taveri – molto difficile per il turismo. Sono consapevole della sfida in questo momento pandemico e della sfida per una città come Brindisi, che oggi non è una destinazione turistica riconosciuta, ma in un momento come questo, di grandi sfide e cambi di paradigma, potrebbe giocare un ruolo”. “Ci ho pesato un bel po’ prima di accettare quest’incarico – prosegue - perché ho una società oggi affermata in Italia per quanto riguarda turismo e marketng territoriale. Brindisi può provare ad intercettare nuovi flussi che questa pandemia sta accellerando. Il progetto di sea working è stato un laboratorio per testare se a Brindisi si potessero intercettare nuovi viaggiatori".

Massimo Vitali (assessorato Attività produttive e Igiene Pubblica) è funzionario dei servizi socio sanitari dell’Asl Brindisi. In passato è stato nel comitato direttivo del Pd e segretario di sezione del Casale dei democratici. E’ stato inoltre segretario cittadino di Sel. “Alla richiesta di entrare in giunta – dichiara Vitali -  sono rimasto un pochino perplesso. Pensavo (afferma scherzando durante la conferenza stampa, ndr) che non ce l’avessero con me. Brindisi attraversa una crisi endemica. Il Covid ha acuito una situazione già importante. Ho avuto poco modo di vedere qual è la situazione. Mi sono sentito con Oreste Pinto (assessore da cui ha rilevato la delega alle Attività produttive, ndr). Ci sono progetti interessanti sul tavolo. Ho intenzione di incontrare al più presto le associazioni di categoria. Trovo una strada già avviata. Sarà più facile lavorarci sopra”. Per quanto riguarda l’Igiene pubblica, Vitali rimarca il buon lavoro fatto dal predecessore, Roberta Lopalco. “Conto anche di sentire lei e i suoi collaboratori per un passaggio di consegne”, conclude. 

Si parla di

Video popolari

Rossi bis: i tre nuovi assessori si presentano

BrindisiReport è in caricamento