Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Happy Casa, è già febbre da Final Eight. Marino: "Una delle gioie più belle"

 

Si respira un clima d’entusiasmo in casa New Basket Brindisi, dopo la vittoria a fil di sirena contro Trento che ha regalato ai biancazzurri la qualificazione alle Final Eight di Coppa Italia: la quinta negli ultimi sette anni. Un gruppo di tifosi nel corso dell’allenamento disputato martedì sera (15 gennaio), ha fatto una sortita la PalaPentassuglia, ringraziando il roster di coach Vitucci con striscione, fumogeni e cori.

Il presidente Nando Marino, intervistato da BrindisiReport, ha manifestato tutta la sua gioia per l'impresa sportiva, mettendo in grande risalto la prestazione di Riccardo Moraschini, Mvp dell’ultima giornata del girone di ritorno, per il tiro da tre con cui all’ultimo respiro ha messo al tappeto Trento. 

Marino ringrazia inoltre l’intero staff tecnico per l’alto grado di professionalità che sta mostrando sul palcoscenico nazionale ed elenca i successi (le cinque qualificazioni alle Final Eight, l’obiettivo della qualificazione ai playoff centrato due volte, il titolo di campioni d’inverno conquistato nel 2014, la vittoria della Coppa Italia di Legadue, la Promozione in Serie A1) conseguiti negli ultimi otto anni. 

Adesso la Happy Casa è attesa da altre quattro partite di campionato, la prossima domenica prossima (ore 17) contro la capolista Milano, prima delle Final Eight.

Moraschini & co. debutteranno venerdì 15 febbraio, alle ore 20,45, contro Avellino. Si tratta di una squadra di caratura tecnica superiore rispetto alla New Basket, ma nella gara disputata due settimane fa al PalaPentassuglia, dove la Sidigas si è imposta di soli due punti, Brindisi ha dimostrato di potersela giocare ad armi pari contro gli irpini. 

Al termine di quella partita, purtroppo, si registrarono momenti di tensione fra le due tifoserie, che non entrarono in contatto solo grazie all’intervento delle forze dell’ordine. Fra Brindisi e Avellino, del resto, c'è da anni un’accesa rivalità. Per questo Marino cerca di stemperare i toni, nella speranza che al Nelson Mandela Forum di Firenze tale rivalità resti nell'alveo di un sano confronto agonistico, all'insegna della lealtà sportiva. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento