rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022

In pensione dopo 36 anni: mezzi in sirena per il saluto al vigile del fuoco

Dopo 36 anni di onorato servizio, è arrivato il momento della pensione per il capo reparto Giuseppe De Giorgio. Il vigile del fuoco brindisino, come nella tradizione del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, è stato omaggiato dai colleghi con uno schieramento di mezzi in sirena nel cortile della caserma di via Nicola Brandi, in presenza del comandante provinciale, l’ingegnere Antonio Panaro.

4e51bc75-2c24-49d4-996b-e3ff2878efdb-2

De Giorgio ha indossato per la prima volta la divisa nel 1982. Da allora ha sempre militato fra le file del comando di Brindisi. Nella sua lunga carriera figurano interventi in territori sconvolti da terremoti e calamità di vario genere, operazioni di recupero di relitti e operazioni di soccorso a seguito di incidenti ferroviari, oltre alle consuete attività di “routine” espletate dai pompieri.

Giuseppe De Giorgi 2-2

Nel 1997 ha ricevuto un encomio per “aver dato prova di speciale ardimento, capacità e zelo” nelle operazioni di recupero della nave albanese “Kater I Rades”, affondata il 28 marzo di quello stesso anno nel Canale d’Otranto, dopo lo speronamento da parte della corvetta Sibilla della Marina Militare italiana.

Giuseppe De Giorgi 4-2

Sempre nel 1997 gli è stato conferito un diploma di benemerenza con medaglia per l’impegno profuso in Umbria e nelle Marche, dopo il sisma che provocò decine di vittime. Nel gennaio 2015 ha preso parte alle operazioni di spegnimento del rogo sviluppatosi nel relitto del Norman Atlantic.

6909ad57-6113-4e04-a3a3-ba89a2dd24a9-2

Di recente, il capo reparto ha operato nella zona di Amatrice, devastata dagli eventi sismici del 2016 e 2017. Da anni è il responsabile dell’officina del comando dei vigili del fuoco di Brindisi. In 36 anni, insomma, ne ha viste di tutti i colori, mettendosi sempre a disposizione delle persone in difficoltà.

Video popolari

In pensione dopo 36 anni: mezzi in sirena per il saluto al vigile del fuoco

BrindisiReport è in caricamento