Martedì, 27 Luglio 2021

Ecco il "bosco Tommaseo": il polmone verde sul mare

Inaugurata l'area verde recuperata intorno ai ruderi del collegio navale Tommaseo, con vista panoramica sul porto

Brindisi ha il suo primo bosco cittadino, con vista panoramica sul porto. L’enorme area verde che circonda i ruderi imponenti dell’ex collegio navale è stata inaugurata stamattina (sabato 12 giugno) dal sindaco Riccardo Rossi, accompagnato da gran parte della giunta.

Recupero dell'ex collegio navale: "De Picciotto ci sta pensando"

Il polmone verde, denominato “Bosco Tommaseo”, si estende per tutta via Amerigo Vespucci. Vi si può entrare dall’ingresso principale con scalinata monumenta, da una scalinata cui si accede all’altezza del bivio fra via Amerigo Vespucci e via Ciciriello oppure dalla sommità di via Ciciriello, tramite il cancello di ingresso dell’ex sede del Corpo Forestale. Poco più avanti, all’inizio di via Benedetto Brin, al posto di un vecchio campo di calcio, è stato realizzato un parcheggio con 220 posti auto.

Operai Multiservizi Bosco Tommaseo-2

L’amministrazione comunale sta valutando inoltre la possibilità di istituire una fermata della motobarca in via Amerigo Vespucci, in modo da raggiungere il centro via mare, dopo aver parcheggiato accanto al bosco. Gli operai della ditta Brindisi Multiservizi hanno lavorato per un anno alla bonifica del parco, eliminando l’infinita distesa di erbacce e rovi che ricoprivano il terreno. Il risultato è splendido. Una metà dell’impianto vegetale è antecedente la realizzazione del Collegio Tommaseo; la restante è stata realizzata a completamento dell’istituto accademico.

Inaugurazione bosco Tommaseo ok-2

L’unità boschiva è costituita prevalentemente da due generi arborei: Pinus ed Eucaliptus, il primo autoctono e con comportamento pioniero, il secondo, alieno e di indole invasiva. Sotto lo strato arboreo si è costituita spontaneamente una componente arbustiva con le tipiche specie della macchia mediterranea: Virtus communis L. (mirto), Pistacia lentiscus L. (lentisco) e Rhamnus aletarnus L. (alaterno).

La formazione a macchia è facilmente rintracciabile lungo il perimetro dell’intera area boschiva e in particolare a sud, lungo Viale Amerigo Vespucci. Ad est, invece, si trova una formazione di Quercus ilex L. (leccio), che è la tipica specie quercina del tavoliere salentino.  All’interno del sistema urbano, il Bosco urbano del Tommaseo costituisce un importante elemento di biodiversità dal quale la città potrebbe trarre vantaggio in termini di servizi eco-sistemici.

Si parla di

Video popolari

Ecco il "bosco Tommaseo": il polmone verde sul mare

BrindisiReport è in caricamento