Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

La scuola "Don Donato Panna" torna nella disponibilità dei cittadini

 

SAN DONACI - Una scuola moderna, eco compatibile, dotata di spazi didattici innovativi, che risponde ai più moderni standard di sicurezza e accoglienza. E’ la scuola primaria “Don Donato Panna” di San Donaci ristrutturata ed inaugurata domenica 8 settembre dal sindaco Angelo Marasco. Presenti anche il preside dell’Istituto comprensivo “Manzoni-Alighieri” Antonio De Blasi e l’Assessore Regionale per il Diritto allo Studio e alla Scuola Sebastiano Leo.

L’istituto, ristrutturato nell’ambito del P.O. Fesr 2007‐2013 – Asse II – Linea di intervento 2.4 - Azione 2.4.1 ‐ denominata “Promozione del risparmio energetico e dell’impiego di energia solare nell’edilizia pubblica non residenziale” espressamente finalizzata a favorire lo sviluppo e la diffusione dell’efficienza energetica e l’ottimizzazione del sistema energetico degli edifici pubblici, rappresenta un importante traguardo per l’Amministrazione comunale e per la cittadinanza.

Un taglio del nastro molto atteso, salutato dall’intera comunità. “Oggi finalmente siamo tornati nella nostra casa. Definitivamente. – dichiara l’assessore ai Lavori Pubblici Gianluca Zurlo – con orgoglio e gioia infinita riassaporiamo parte della nostra storia e della nostra identità. Il cammino non è stato facile, dai primi passi, fino alle fasi di progettazione e ristrutturazione. In tutto questo percorso non si sono mai persi di vista alcuni aspetti come l’eco-compatibilità, la sicurezza, l’accessibilità e il benessere degli studenti che verranno accolti in una sede rinnovata, moderna e senza barriere architettoniche". 

"L’edificio storico fu costruito in pieno regime fascista nel 1932 e, come tutti quelli risalenti a quel periodo, rispecchia lo stile Littorio. D’allora tanti anni sono passati, ma rimane invariato in tutti quelli che vi hanno frequentato, il ricordo della scuola, dei compagni, dei successi, di qualche sconfitta, del lavoro svolto. La cittadinanza intera ha partecipato con emozione alla riapertura di questa sede storica che rappresenta per tutti un vero punto di riferimento: esso è la certezza della propria storia, della tanta vita passata ed una speranza per il futuro".

Potrebbe Interessarti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento