Brindisi, l'omaggio del trapper Gokush alla sua città

Nel video del brano si vedono il porto, i monumenti, ma anche i ragazzi in moto o a bordo di Fiat 500 Abarth che sfrecciano per le strade delle periferie

BRINDISI - Lui è Gokush, al secolo Antonio Pizzolla un trapper brindisino di 24 anni che ha voluto omaggiare la sua città con il brano “Br” (il video completo). Antonio è un giovane pieno di energia positiva, i suoi punti di riferimento sono i grandi trapper italiani, cui s’ispira. Stima particolarmente Sfera Ebbasta e il suo grande obiettivo è quello di sfondare nel mondo della musica. Dalle sue parole si evince un forte desiderio di riscatto, la voglia di riuscire a superare le difficoltà, quelle che i giovani brindisini nati e cresciuti nelle periferie, devono affrontare tutti i giorni. Antonio però, rispetto a tanti altri, è ancora disposto a sognare e a mettersi in gioco e tra le sue priorità ci sono, la serenità della sua famiglia, in particolare della sua mamma e il futuro del suo nipotino, a cui è molto legato.

E’ un giovane altruista e generoso e quando parla della sua città, Brindisi, sembra quasi voglia sollevarla con le mani. Nel suo ultimo brano “Br” si vedono il porto, i monumenti, ma anche i ragazzi in moto o a bordo di Fiat 500 Abarth che sfrecciano per le strade delle periferie e quando gli chiediamo il perché di queste immagini, Gokush risponde: “Brindisi è affascinante anche per questo”.

Antonio questa città la ama davvero e ne è orgoglioso, a tal punto da indossare per tutta la durata del video una felpa della squadra di basket della città e confessa di avere la speranza che un giorno il suo brano possa fare da intro ad una partita dell’Happy Casa. Gokush ha voluto chiudere l’intervista, ringraziando tutti quelli che hanno contribuito alla realizzazione di questo brano e spera che in tanti continuino a seguirlo.

Si parla di

Video popolari

Brindisi, l'omaggio del trapper Gokush alla sua città

BrindisiReport è in caricamento