Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Così la scuola può combattere le sopraffazioni e il cyberbullismo"

 

BRINDISI - Si è svolto giovedì 31 maggio 2018, nella sala conferenza dell’Autorità di Sistema Portuale dell’Adriatico Meridionale, l’incontro tra gli studenti della sede IPSIA “G. Ferraris” di Brindisi e di Fasano con l’ispettore Eugenio Cantanna della Polizia postale, la dott.ssa Anna Maria Casaburi, giudice onorario del Tribunale per i Minori di Lecce, la dott.ssa Mariangela De Mola, psicologa, e il dott. Liborio Rainò, dirigente del Dipartimento di prevenzione della salute della ASL di Brindisi.

L’iniziativa era l’evento finale del progetto formativo  “No tti fari lu bbuenu!” rivolto a docenti e alunni dell’ IPSIA “G. Ferraris” di Brindisi  e Fasano, in collaborazione con la Questura di Brindisi-Polizia Postale e l’Azienda sanitaria Locale – Dipartimento di promozione della salute, che ha promosso il progetto “Teen Explorer”, finalizzato a informare e formare sulle misure di prevenzione e contrasto al fenomeno del bullismo e cyberbullismo negli adolescenti.

“Una  agenzia educativa, quale la scuola,  ha il dovere morale di  garantire alle famiglie e alla comunità cittadina tutta, tutela e difesa della sicurezza e legalità, per non rischiare la delegittimazione del suo stesso intrinseco ruolo istituzionale. Rischio altissimo – aveva dichiarato nel presentare l’evento la dirigente scolastica Rita Ortenzia De Vito -  lì dove prevale l’indolenza, la negligenza, l’intimidazione e l’omertà di una scuola che, anziché denunciare per evitare il linciaggio mediatico, subisce passivamente, con tutte le conseguenze del caso: un punto di non ritorno”. BrindisiReport ha seguito l’incontro ed ha riascoltato la professoressa De Vito.

Potrebbe Interessarti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento