Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Caricamento in corso...
Caricamento dello spot...

Prima medaglia d'oro nel taekwondo per le neonate Fiamme Oro Brindisi

 

BRINDISI - Prima medaglia d’oro per il gruppo sportivo delle Fiamme Oro di Brindisi in occasione della prima edizione del torneo internazionale “Daedo 2018” di taekwondo che si è svolto fra sabato 12 e domenica 13 maggio presso il PalaPentassuglia. Centinaia di ragazzi provenienti da tutta Italia e anche da altri paesi europei hanno preso parte all’importante evento, organizzato dalla Fita (Federazione italiana taekwondo), congiuntamente al Comitato Regionale Puglia Taekwondo, presieduto da Martino Montanaro.

Da sinistra, Riccardo Sabatelli, Massimiliamo Martina e Mattia Martina-2

Nell’impianto di contrada Masseriola, i ragazzi delle Fiamme Oro di Brindisi, allenati dal tecnico Massimiliano Martina, hanno fatto il loro debutto ufficiale con la tenuta del gruppo sportivo della Polizia di Stato, che, unitamente a quello di pugilato affidato al tecnico Fabio Pignataro, è attivo da alcune settimane presso il tensostatico comunale di viale Gran Bretagna, al rione Bozzano, affidato in comodato d’uso alla questura di Brindisi.

Mattia Martina medaglio d'oro al torneo Daedo-2

Punta di diamante delle Fiamme Oro è il plurimedagliato Mattia Martina (categoria + 78 chilogrammi junior). Il giovane atleta è salito sul gradino più alto del podio dopo essersi aggiudicato i combattimenti contro Palazzo, per ko, e Capodiferro, sconfitto con il punteggio di 12-4, in un match che non ha mai avuto storia.

Buone indicazioni sono arrivate anche dall’altro tesserato delle Fiamme Oro, Riccardo Sabatelli. Il ragazzo, tornato da circa un mese sul tatami dopo un lungo periodo di assenza a causa di un serio infortunio, è stato superato da Giuseppe Federico, che poi si è imposto nella sua categoria. Comincia nel migliore dei modi, dunque, l’avventura delle Fiamme Oro di Brindisi.

I gruppi sportivi del taekwondo e del pugilato stanno ricevendo in questi giorni numerose richieste di adesione da tutta la provincia (e non solo). Va ricordato infatti che le porte dell’impianto di viale Gran Bretagna, affidato alla questura con l’obiettivo di dare un’opportunità di svago e di riscatto sociale ai minori che vivono in contesti difficili, sono aperte a tutti.

Potrebbe Interessarti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento