Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In 180 alla Conca per il Tuffo di Capodanno 2018: è record

 

BRINDISI - Nona edizione del Tuffo di Capodanno a Brindisi, con il record di partecipanti: in 180 stamani hanno sfidato l'acqua gelida nel tradizionale scenario della Conca, sulla scogliera a nord del porto, sconcertando i cani della Scuola Cinofila Italiana di Soccorso Acquatico e Ricerca sorpresi dalla massa di persone "da salvare". Sono stati sufficienti  invece un accappatoio e un bel the caldo per recuperare la giusta temperatura corporea, dopo la nuotatina in una giornata senza sole, al contrario di quella del 31 dicembre.

Ma spesso le cose vanno così, per gli organizzatori dell'associazione "Amici della Conca", che ogni anno devolvono la somma raccolta con le iscrizioni a una associazione benefica. Per l'edizione 2018 il Tuffo di Capodanno sosterrà "Il bene che ti voglio", che si occupa di bambini autistici. Ed erano tanti, stamani, i bambini che hanno sfidato con gli adulti il mare di gennaio, a partire dal più piccolo, di 7 anni.

Tuffo di Capodanno 2018 (5)-2

E c'era, come annunciato, Maggie Manning, la diciassettene para-nuotatrice canadese (nella foto sopra) arrivata dalla British Columbia per partecipare come ospite d'onore al tuffo del 2018. Tanti applausi per lei da parte degli altri 179 partecipanti all'evento e dal pubblico. I dati meteo a corredo: temperatura esterna 14 gradi, vento da sud di 12 nodi, temperatura dell'acqua 15 gradi. Per Maggie uno scherzo, abituata com'è alle nuotate nelle acqua ghiacciate della sua Salmon Arm. Per i brindisini reduci dalle gozzoviglie notturne, non proprio un bagno benefico. Apopuntamento all'1 gennaio 2019.

Potrebbe Interessarti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento