rotate-mobile
Martedì, 25 Giugno 2024

La storia di Aziz, il sarto che dall'Africa è venuto a Brindisi e ha coronato il suo sogno

Il 38enne è originario del Burkina Faso, fino al 2010 ha vissuto in Costa d'Avorio. Poi ha girato un po' l'Italia e ha trovato nel capoluogo adriatico la sua dimensione

Nella sua sartoria accoglie tutti con il sorriso e tanta disponibilità, si chiama Aziz Bance, ha 38 anni ed è un cittadino del Burkina Faso che fino al 2010 viveva in Costa d’Avorio. Aziz ha lottato con tutte le sue forze per aprire la sua sartoria. Ha iniziato come apprendista durante l’adolescenza per poi aprire il suo primo atelier in Costa d’Avorio. La crisi economico-politica e l’arrivo della guerra civile costringono il giovane sarto a chiudere, ma lui non si rassegna, decide di ricominciare, raggiunge suo zio in Italia, con la speranza di poter ricostruire la sua attività.

Aziz arriva a Brescia, cerca un luogo favorevole per ricominciare e inizia così a spostarsi, prima Rosarno, poi Foggia e infine arriva a Brindisi, luogo in cui si sente a casa. Grazie alla Caritas, si riaccende la speranza nel cuore del sarto africano. Oltre all’ospitalità e al calore che il sistema solidale brindisino offre, per Aziz arriva una macchina da cucire e tutto riprende vita. Tovaglie, grembiuli e i primi vestiti permettono a Bance di farsi apprezzare dalla comunità. Inizia nuovi percorsi formativi per tentare di accedere a fondi e partecipare a bandi, per aprire la sua sartoria ma, ogni volta che si trova ad un passo dall’obiettivo, tutto sfuma.

Aziz è costretto a lavorare duramente per vivere, mettere da parte un po’ di soldi e aiutare la sua famiglia in Africa. Tra il 2021 e il 2022, Aziz decide di investire i suoi risparmi e rischiare tutto, affitta un locale nel centro di Brindisi, in via Casimiro dove apre “Ago e filo”, non solo una sartoria ma un posto magico in cui i clienti sono collaboratori e le culture si incontrano contaminandosi. Aziz è empatico, disponibile e professionale, tanto da creare legami e collaborazioni con tutte le persone che entrano nella sua sartoria. Mostra riconoscenza verso tutte le persone che lo hanno aiutato, ama i brindisini e si sente amato. “Ago e filo” per Aziz è il primo passo verso obiettivi più ambiziosi, ma nel suo cuore c’è un sogno gli fa brillare gli occhi e tremare la voce, riavere sua moglie e i suoi tre figli accanto a sé e vivere in pace.

Si parla di

Video popolari

BrindisiReport è in caricamento