rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021

Omicidio dell'ex carabiniere: il furgoncino dell'indagato ripreso dalle telecamere

Le immagini acquisite dai carabinieri nell'ambito delle indagini che stamattina hanno portato all'arresto del 70enne Michele Aportone

Intorno alle ore 19:30 esce da un’area di sosta per camper nel territorio di Nardò (Lecce), di cui è titolare. Intorno alle ore 22:30 vi fa rientro. Queste immagini, acquisite dai carabinieri, hanno avuto un peso rilevante nelle indagini che hanno portato all’arresto del 70enne Michele Aportone, di San Donaci, per l’omicidio dell’ex maresciallo dei carabinieri Silvano Nestola, avvenuto la sera del 3 maggio 2021 a Copertino (Lecce). 

Il frgone in uso ad Aportone viene inquadrato dalle telecamere di videosorveglianza installate nei pressi dell’area camper. Si presume che il 70enne non abbia compiuto interamente a bordo di quel veicolo il tragitto verso Copertino, dove Nestola è stato ucciso a fucilate, in un agguato che gli è stato teso mentre usciva dall'abitazione della sorella.

Le risultanze investigative avrebbero infatti evidenziato come ad un certo punto, dopo aver lasciato il furgone nei pressi di una carrozzeria di Leverano, Aportone avrebbe continuato il percorso a bordo di un ciclomotore che evidentemente aveva dapprima caricato sullo stesso furgone. Il ciclomotore, nel corso delle indagini, è stato rinvenuto bruciato, proprio nei pressi dell’area camper gestita da Michele Aportone, molto probabilmente per distruggere eventuali tracce della sua colpevolezza.

Video popolari

Omicidio dell'ex carabiniere: il furgoncino dell'indagato ripreso dalle telecamere

BrindisiReport è in caricamento