rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
Ambiente

Ecomafie e industria, commissione parlamentare a Taranto e Brindisi

ROMA – Ecomafie e rifiuti industriali. Le recenti vicende brindisine dimostrano come esista effettivamente un diffuso traffico sotterraneo di rifiuti speciali, ma la visita dal 14 al 16 settembre prossimi di una delegazione della Commissione parlamentare d'inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti sarà a Taranto e a Brindisi per un ciclo di audizioni e sopralluoghi nei grandi insediamenti industriali, e per un approfondimento dell'inchiesta concernente la gestione dei rifiuti nella Regione Puglia.

ROMA - Ecomafie e rifiuti industriali. Le recenti vicende brindisine dimostrano come esista effettivamente un diffuso traffico sotterraneo di rifiuti speciali, ma la visita dal 14 al 16 settembre prossimi di una delegazione della Commissione parlamentare d'inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti sarà a Taranto e a Brindisi per un ciclo di audizioni e sopralluoghi nei grandi insediamenti industriali, e per un approfondimento dell'inchiesta concernente la gestione dei rifiuti nella Regione Puglia.

Le tappe della visita della commissione saranno a Taranto gli stabilimenti Ilva, Eni e Cementir , il termovalorizzatore a Massafra , e il Petrolchimico consortile a Brindisi. La Commissione ascolterà a Taranto il prefetto e il questore, il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola e l'assessore regionale all'Ambiente, Lorenzo Nicastro.

Audizione, sempre a Taranto, per vertici della procura di Taranto e della Dda di Lecce, per i responsabili delle forze dell'ordine e degli enti locali e delle associazioni ambientaliste. Saranno ascoltati anche i manager della discarica Vergine, dell'Ilva, della raffineria Eni e della Cementir. La mattina del 16 settembre, a conclusione della tre giorni di lavoro, la delegazione terrà una conferenza stampa presso la Prefettura di Taranto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ecomafie e industria, commissione parlamentare a Taranto e Brindisi

BrindisiReport è in caricamento