rotate-mobile
Ambiente

Finanziati interventi per i parchi

BARI - Con la sottoscrizione di quattro protocolli d’intesa ha avuto avvio l’attuazione alla seconda fase delle procedure negoziali per la realizzazione degli interventi di valorizzazione delle aree naturali protette finanziati con le risorse del Po Fesr 2007-2013 – Asse IV – Linea 4.4 “Interventi per la Rete Ecologica”. Si tratta di quattro interventi distribuiti tra l’area della gravine ioniche, la costa di Ostuni, della costa tra i territori di Melendugno e Otranto e della riserva di Torre Guaceto.

BARI - Con la sottoscrizione di quattro protocolli d'intesa ha avuto avvio l'attuazione alla seconda fase delle procedure negoziali per la realizzazione degli interventi di valorizzazione delle aree naturali protette finanziati con le risorse del Po Fesr 2007-2013 - Asse IV - Linea 4.4 "Interventi per la Rete Ecologica". Si tratta di quattro interventi distribuiti tra l'area della gravine ioniche, la costa di Ostuni, della costa tra i territori di Melendugno e Otranto e della riserva di Torre Guaceto.

"Area delle Gravine" (capofila Comune di Laterza): percorsi sentieristici attrezzati e completamento della Masseria Cangiulli da adibire a centro di esperienza ambientale e a sede del Parco per la piena valorizzazione e fruizione del territorio, per ? 870.000; "Litorale Brindisino" (capofila Comune di Ostuni): recupero ambientale dell'area ex Lido Stefan con rinaturalizzazione di un tratto costiero, realizzazione della casa del mare del Parco delle Dune Costiere e dei sentieri blu, per ? 500.000; "Provincia di Lecce" (capofila Comune di Melendugno): percorso cicloturistico di collegamento dei territori di Melendugno e Otranto con aree di sosta e parcheggio, segnaletica e cartellonistica, e messa in sicurezza dei tratti ad elevato pericolo, recupero della cripta medievale del Brunese e messa in sicurezza della grotta di San Cristoforo a Torre dell'Orso per ? 450.000;

Non ultimo in ordine di importanza, il protocollo per la riserva di Torre Guaceto, con l'allestimento della Torre Aragonese e la riqualificazione ambientale di Punta Penna Grossa mediante trasformazione di strada carrabile in percorso ciclabile, naturalizzazione di aeree agricole e potenziamento dell'intermodalità auto-bicicletta. Completamento del recupero del centro di tartarughe marine con l'allestimento delle due strutture già finanziate nella scorsa negoziale. L'importo complessivo previsto è di ? 1.000.000.

L'assessore Barbanente sottolinea che "Con questi interventi la Riserva Naturale di Torre Guaceto è la prima Area protetta a raggiungere l'obiettivo del completamento degli interventi infrastrutturali previsti nel Piano di Gestione Pluriennale del SIC "Torre Guaceto - Macchia San Giovanni", e ancor prima dell'approvazione ministeriale del Piano. Anche gli altri interventi finanziati completano ed integrano quanto già in parte realizzato con la precedente procedura negoziale, consentendo così la piena fruizione e accessibilità di una parte importante della rete di connessione ecologica regionale, a testimonianza di un impegno straordinario della Regione Puglia per la tutela della biodiversità, la riqualificazione dell'ambiente e la promozione di forme di fruizione eco-sostenibili"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finanziati interventi per i parchi

BrindisiReport è in caricamento