La Commissione Ecologia al Canale Inferno

BRINDISI – Un intervento, finalmente, ci sarà. E non sarà una consueta attività di routine, destinata a non avere efficacia, o comunque a non risolvere il problema. Lo conferma la Commissione comunale Ecologia, che questa mattina ha compiuto un sopralluogo presso il Canale Inferno, quartiere Sant’Angelo, per rendersi conto dello stato di degrado in cui versa la zona.

I consiglieri al Canale Inferno

BRINDISI - Un intervento, finalmente, ci sarà. E non sarà una consueta attività di routine, destinata a non avere efficacia, o comunque a non risolvere il problema. Lo conferma la Commissione comunale Ecologia, che questa mattina ha compiuto un sopralluogo presso il Canale Inferno, quartiere Sant'Angelo, per rendersi conto dello stato di degrado in cui versa la zona.

I residenti chiedevano da tempo un intervento di riqualificazione, per una zona di fatto invivibile tanto l'inverno quanto l'estate. Erbacce e animali di tutti i tipi rendono l'area di fatto pericolosa. E questa mattina i consiglieri comunali Mario Criscuolo, Nicola Di Donna, Ilario Pennetta, Francesco Cannalire, Luigi Modugno, Antonio Monetti e Rino Giannace hanno constatato la situazione da vicino. Pochissime ore prima, un altro sopralluogo era stato compiuto dagli agenti della polizia municipale di Brindisi che hanno rilevato, ad esempio, l'inesistenza di barriere di protezione sulla strada di via Balbo. Un pericolo costante, visto che è facile cadere nel dirupo della zona.

Ma il vero problema è la sicurezza, oltre all'igiene: le erbacce, soprattutto nel periodo estivo, fanno sì che l'area sia sempre a rischio-incendio. E poi, pericolosa è anche la continua presenza di animali. Insetti, vermi, serpenti e topi. Troppo facile, per questi esseri viventi, nascondersi tra le erbacce cresciute nel Canale Inferno.

"Siamo qui per testimoniare la presenza del Comune, che vuole essere vicino alle problematiche dei cittadini", ha detto il presidente della Commissione Ecologia Mario Criscuolo. Anche gli abitanti del quartiere hanno apprezzato il blitz dei politici: "Era ora che qualcuno si accorgesse dello stato vergognoso in cui viviamo da anni", hanno detto. "Speriamo davvero che alle parole seguano davvero i fatti".

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
BrindisiReport è in caricamento