Congresso di allergologia

BRINDISI – Avrà luogo nei giorni 27 e 28 settembre 2013, presso il Grande Albergo Internazionale di Brindisi l’ “Update in Allergologia e Immunologia Clinica”.

Porto di Brindisi, il lungomare

BRINDISI - Avrà luogo nei giorni 27 e 28 settembre 2013, presso il Grande Albergo Internazionale di Brindisi l' "Update in Allergologia e Immunologia Clinica" undicesimaedizione delle Giornate Allergologiche Brindisine. L'evento scientifico vedrà la partecipazione di specialisti allergologi e immunologi di tutt'Italia che si confronteranno sulla malattia allergica e i disturbi immunologici, sulle terapie farmacologiche e gli interventi di prevenzione.

Il corso convegno Ecm, accreditato presso il Ministero della Salute, si rivolge a medici, biologi e infermieri e rappresenta un valido aggiornamento sui principali aspetti fisiopatologici, clinici, diagnostici, terapeutici e gestionali delle malattie allergiche ed immunomediate. Nella due giorni di studio,si parlerà di cambiamenti climatici e "pollinosi, tra le espressioni allergiche note da più lungo tempo e negli ultimi decenni in diffusione e in aumento" - rimarca il dottor Augusto Arsieni presidente del Congresso e Specialista dell'Ambulatorio di Allergologia e Immunologia Asl di Brindisi.

"Da oltre 20 anni il monitoraggio dei pollini allergenici è condotto su base nazionale dall'Associazione Italiana di Aerobiologia e nel Salento dal Centro di Monitoraggio di Brindisi quest'attività ha sicuramente una funzione di informazione e prevenzione nei confronti dei soggetti allergici. L'osservazione dei dati a disposizione indica come attraverso lo studio aerobiologico si possano avere interessanti riscontri con lo studio della flora e della vegetazione della città e, soprattutto, importanti informazioni sulla concentrazione e diffusione di pollini a livello locale, rendendo pertanto utile il monitoraggio effettuato in più stazioni in una regione come la Puglia".

Un binomio, allergia e inquinamento ambientale, che è in stretta correlazione. "Verranno affrontati nel modo più succinto e completo possibile i vari aspetti legati all'inquinamento dell'aria, confidando che una migliore conoscenza di questo problema possa far crescere in tutti noi una maggiore coscienza ambientale", spiega Isabella Annesi Maesano della Medical School St Antoine, Paris - France tra gli illustri relatori ospiti del Congresso che aggiunge "L'inquinamento causato da queste sostanze negli ambienti aperti viene definito esterno (o outdoor), mentre l'inquinamento nei luoghi confinati, come gli edifici, viene indicato come inquinamento interno o indoor".

"La qualità dell'aria negli ambienti confinati viene, infatti, spesso indicata come Indoor Air Quality. Finora sono stati catalogati circa 3.000 contaminanti dell'aria, prodotti per lo più dalle attività umane con i vari processi industriali, con l'utilizzo dei mezzi di trasporto o in altre circostanze.Le modalità di produzione e di liberazione dei vari inquinanti sono estremamente varie, allo stesso modo sono moltissime le variabili che possono intervenire nella loro diffusione in atmosfera".

Con l'undicesima edizione delle Giornate Allergologiche Brindisine saranno affrontate anche tematiche di stretta attualità e sperimentazioni scientifiche con nuovi e importanti risultati in tema di asma bronchiale e rinite allergica, diagnostica e terapia molecolare e immunoterapia specifica.

Ma si parlerà anche di allergie e intolleranze alimentari, di reazioni avverse ai farmaci e della temibile infestazione da Anisakis, "un nematode che è comunemente presente come parassita intestinale nei pesci, crostacei e mammiferi marini e ha come ospite intermedio alcuni tipi di pesce, tra cui: tonno, salmone, sardine, acciughe, merluzzo, nasello e sgombro" chiarisce Maria Teresa Ventura, professore Associato in Medicina Interna, Responsabile U.O. Immuno-allergologia Geriatria, Università degli Studi, Bari.

"Nell'uomo l'Anisakis può attaccare direttamente la mucosa gastrointestinale, provocando una parassitosi nota come anisakidosi, che può manifestarsi come un'infezione acuta o cronica, dando luogo a sintomi come nausea, vomito e diarrea e provocando la formazione di un granuloma fino ad una possibile occlusione".

"Nonostante le misure preventive, l'incidenza di infezione da Anisakis è aumentata anche perché l'esposizione agli antigeni dell'Anisakis non viene eliminata dalla cottura anche prolungata del pesce per via della presenza di epitopi antigenici termostabili. Le manifestazioni allergiche correlate alla parassitosi daAnisakissi stanno diffondendo a causa del maggiore consumo di pesce crudo, marinato o affumicato ma anche per il diffondersi di ristoranti dove si consuma il sushi."

Il Corso convegno "Update in Allergologia e Immunologia Clinica" è patrocinato dall'Assessorato alla Salute della Regione Puglia, Aisai (Associazione Italiana Specialisti Allergologi Immunologi-clinici), Aia (Associazione Italiana Aerobiologia), Arpa Puglia, Ordine provinciale medici chirurghi e odontoiatri della provincia di Brindisi, dall'Associazione Italiana Donne Medico, Asl di Brindisi e Comune di Brindisi.

Presidente del congresso è il dott. Augusto Arsieni. Il comitato scientifico è composto da Valerio Di Rienzo Prof. A.c. Scuola di specializzazione in Allergologia ed Immunologia Clinica Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma, Alessandro Travaglini Centro di Monitoraggio Aerobiologico di Roma, Dipartimento di Biologia, Università di Roma "Tor Vergata", Roma, Mariateresa Ventura Professore Associato in Medicina Interna, Responsabile U.O. Immuno-allergologia Geriatria, Università degli Studi, Bari.

Programma update allergologia immunologia

 

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
BrindisiReport è in caricamento