Mesagne: Avis e Croce Amica insieme per la raccolta sangue

Le due associazioni collaborano per un progetto di solidarietà: la donazione del sangue per far fronte alle richieste

MESAGNE - Un'importante progetto per la solidarietà vede collaborare insieme l'Avis e la Croce Amica di Mesagne che domenica 23 febbraio, dalle ore 8 alle 12, presso il centro di raccolta fisso dell'ospedale di Mesagne, hanno organizzato una donazione di sangue.
Le due associazioni che operano nel settore socio- sanitario, l' Avis impegnata ad assicurare l'autosufficienza di sangue e Croce Amica nell'assistenza e il trasporto di ammalati, hanno condiviso i propri valori fondanti, trovando diversi punti di convergenza nelle rispettive attività, in particolare  nell'attenzione all'uomo in difficoltà.

Il Presidente dell'Avis ha riconosciuto nell'incontro con i responsabili di Croce Amica, l'importante ruolo che l'associazione svolge sul territorio, assicurando centinaia di trasporti di ammalati su tutto il territorio nazionale, oltre ad un importante informazione in campo sanitario, attraverso l'organizzazione di corsi di formazione. I dirigenti di Croce Amica invitano tutti i collaboratori e chiunque sia in buone condizioni di salute a partecipare alla donazione organizzata domenica 23 febbraio, tesa a ridare un sorriso a coloro che sono stati meno fortunati.

Per donare bisogna avere una età compresa fra i 18 ed i 65 anni, pesare almeno 50 kg, essere in buone condizioni di salute e condurre uno stile di vita senza comportamenti a rischio, non aver assunto alcun farmaco nell’ultima settimana (antidolorifici e aspirine). In occasione di questa donazione mattutina, è richiesto arrivare alla sede della raccolta digiuni o con al massimo un caffè zuccherato e qualche biscotto o fetta biscottata. Da evitare latte e suoi derivati. Necessario presentarsi con la tessera sanitaria e, per i già soci, con la tessera Avis.

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Ospedale di comunità a San Pancrazio Salentino: accordo tra Asl e Comune

Torna su
BrindisiReport è in caricamento