rotate-mobile
Opinioni

Opinioni

Opinioni

A cura di Blog Collettivo

Ospitiamo in questo Blog opinioni di alcuni cittadini Brindisini

Opinioni

La soluzione della crisi in mano ai moderati? Guardate il Brasile

L’anno che verrà sarà peggiore di quello che abbiamo ormai alle spalle. Tutti gli analisti concordano con questa diagnosi drammatica. La stampa statunitense sostiene addirittura che l’intero destino delle economie occidentali dipenda dalla capacità dell’Italia di non precipitare nel baratro trascinando con sé l’euro e le economie più sviluppate. Le famiglie italiane fin dai prossimi mesi dovranno ridimensionare i consumi essenziali assai più di quanto non abbiano fatto non solo in questi mesi ma soprattutto in modo del tutto imparagonabile rispetto al recente passato. Per i più anziani sarà un balzo indietro di decenni, per molte generazioni sarà uno scenario del tutto imprevisto.

L'anno che verrà sarà peggiore di quello che abbiamo ormai alle spalle. Tutti gli analisti concordano con questa diagnosi drammatica. La stampa statunitense sostiene addirittura che l'intero destino delle economie occidentali dipenda dalla capacità dell'Italia di non precipitare nel baratro trascinando con sé l'euro e le economie più sviluppate. Le famiglie italiane fin dai prossimi mesi dovranno ridimensionare i consumi essenziali assai più di quanto non abbiano fatto non solo in questi mesi ma soprattutto in modo del tutto imparagonabile rispetto al recente passato. Per i più anziani sarà un balzo indietro di decenni, per molte generazioni sarà uno scenario del tutto imprevisto.

Paghiamo il prezzo degli ultimi folli anni berlusconiani e di due decenni di riforme mancate. Scopriamo oggi quanto sia stato sbagliato privilegiare l'economia finanziaria rispetto all'economia reale e l'aver esaltato le piccole dimensioni dimenticando il valore strategico della grande impresa manifatturiera. Per quanto illusoria sia stato la stagione della industrializzazione del dopoguerra e quella degli anni del dopo-boom, quel dibattito era più ricco di futuro delle scorciatoie di questi anni. In questo quadro è abbastanza triste constatare come l'attenzione si sia rivolta solo al sistema previdenziale, che sta meglio di tanti suoi critici, e minacci di concentrarsi nei prossimi mesi sul mercato del lavoro quasi che le tutele sindacali siano all'origine del blocco dell'economia reale.

Qui è mancata la sinistra. Da qui può ripartire. In questi giorni ha destato una grande impressione la notizia che il Brasile, guidato da due presidenti di sinistra, abbia superato non solo l'Italia ma anche la Gran Bretagna e si avvicini alla Francia. C'è, in questo dato pubblicato dal "Guardian", forse una lezione valida anche per noi. E' possibile immaginare una sinistra di governo che sappia tenere assieme sviluppo e tutela dei meno avvantaggiati. La sinistra italiana per troppo tempo ha inseguito modelli stranieri e, con la nascita del Pd, si è posto l'ambizioso obiettivo di scavalcare le vecchie socialdemocrazie europee per immaginarsi simile al partito democratico americano. Eppure finora l'unica sinistra di governo che ha mostrato di saper sopravvivere alla crisi e anzi di riuscire a dare una risposta ai problemi dello sviluppo e dell'equità è stata quella sinistra brasiliana guidata da una presidente in gioventù molto radicale e prima di lei da un presidente con una lunga storia di sindacalista e di capo popolo.

Forse il dibattito dovrebbe partire da qui. La radicalità della crisi sospinge i moderati a ritenere che il bandolo della matassa sia destinato a cadere nelle loro mani. E' legittimo invece pensare che sia vero il contrario, che il nostro paese abbia bisogno di riforme così incisive da pretendere una classe dirigente più coraggiosa e più capace di pensare fuori dagli schemi di questi anni. Sono questi pensieri disordinati che mi vengono in mente mentre l'anno nuovo si avvicina e voglio, come uomo di sinistra, immaginarmi dentro una comunità politica che riprenda il suo ruolo nella storia di questo sfortunato paese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La soluzione della crisi in mano ai moderati? Guardate il Brasile

BrindisiReport è in caricamento