Opinioni

Opinioni

Pari opportunità negata: quando la politica rinnega se stessa

La denuncia è forte e non lascia spazio alla benché minima replica: ovvero quando la politica, quella che decide nel concreto, passa alle vie di fatto si dimentica, o meglio, rinnega quanto da ella stessa deciso

La denuncia è forte e non lascia spazio alla benché minima replica: ovvero quando la politica, quella che decide nel concreto, passa alle vie di fatto si dimentica, o meglio, rinnega quanto da ella stessa deciso.

Intorno alla fine del mese di luglio appena trascorso, oltre sessanta Docenti Costituzionaliste di tutte le Università italiane hanno inviato una lettera ai Presidenti delle Camere, denunciando “il grave vulnus costituzionale” con il quale, in occasione della “elezione di un giudice costituzionale, i componenti laici degli organi di amministrazione autonoma delle magistrature e cioè il Consiglio Superiore della Magistratura e i Consigli di Presidenza della Giustizia amministrativa, della Giustizia tributaria e della Corte dei Conti il Parlamento ha nominato 21 uomini su 21 posizioni disponibili”.

Nel mondo accademico lo scandalo per questa decisione ha raggiunto i livelli di vera e propria crisi istituzionale tanto che le Costituzionaliste hanno dovuto scrivere ai Presidenti delle Camere per denunciare il gravissimo accaduto.

Tutti presi da un dibattito politico ad oggi evanescente, declamato più che concretizzato, la notizia, benché circolata su alcuni quotidiani (Il Manifesto, Il Fatto e pochi altri) anche perché oscurata da avvenimenti di altra natura, è passata del tutto inosservata senza provocare alcun dibattito e men che meno l’indignazione diffusa che avrebbe dovuto provocare.

Ma la questione sollevata dalle Costituzionaliste è di estrema rilevanza ed attiene al sistema rappresentativo ed al grado di civiltà della Repubblica Italiana della Repubblica Italiana,  che per dettato costituzionale, non può operare discriminazioni sessiste nei confronti delle donne. 

Eppure l’art. 51 Cost. novellato dalla legge costituzionale n. 1 del 2003 parla chiaro: ”Tutti i cittadini dell’uno e dell’altro sesso possono accedere agli uffici pubblici e alle cariche elettive in condizioni di eguaglianza, secondo i requisiti stabiliti dalla legge. A tal fine la Repubblica promuove con appositi provvedimenti le pari opportunità tra donne e uomini”.

Dunque la Repubblica Italiana, in tutte le sue forme rappresentative a cominciare dal Parlamento, ha il compito di garantire le pari opportunità tra uomini e donne.

Prima di approdare alla novella costituzionale 1/2003, si è registrato un lungo percorso intellettuale e scientifico a cominciare dalla prima sentenza, in materia, della Corte Costituzionale n. 422/1995.

La Corte, controvertendosi in relazione alla legittimità costituzionale dell’art. 5, secondo comma, ultimo periodo, della legge 25 marzo 1993 n.81 recante “l’elezione diretta del sindaco, del presidente della provincia, del consiglio comunale e del consiglio provinciale” fu chiamata a decidere se quella norma che stabilisce una riserva di quote per l’uno e per l’altro sesso nelle liste dei candidati sia compatibile con il principio di uguaglianza ex art. 3 Cost., con l’art. 51 Cost. (prima della novella) in materia di accesso agli uffici pubblici e alle cariche elettive, ed all’art. 49 che consente la libera associazione di tutti i cittadini al fine di garantirne la  partecipazione democratica alla politica nazionale. (Dalla parte motiva della sentenza).

La Corte ne dichiarò l’incostituzionalità provocando l’effetto che nessuna altra norma in materia avrebbe superato il vaglio di legittimità costituzionale senza una norma di copertura di rango costituzionale.

Fu così dunque che si rese necessario varare la l. Costituzionale n.1 /2003, che integrando il già esistente art. 51 con la previsione dell’obbligo della Repubblica di promuovere con appositi provvedimenti le pari opportunità tra donne ed uomini, ha dato copertura a tutte le future norme in materia, prima inesistente.

Invece è accaduto che, nonostante il propagandato “cambiamento”, nel più consolidato vecchio stile di accaparramento, in occasione della nomina di ben 21 rappresentanti all’interno di organismi vitali per il pieno e reale esercizio della democrazia, gli uomini hanno fatto “cappotto” e si sono aggiudicati tutte e 21 nomine.

Neanche una donna!

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ce ne ricorderemo il prossimo 8 marzo, che arriva, quasi premponitore, con le mimose già sfiorite, quando ci sarà la consueta sfilata di uomini di potere che inneggeranno alle pari opportunità salvo a dimenticarsene alla prima importante occasione. 

Opinioni

Ospitiamo in questo Blog opinioni di alcuni cittadini Brindisini

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di lucio
    lucio

    Premetto: non solo sono per la totale parità tra uomo e donna, ma, per esperienza personale, considero le donne molto meglio ( se non addirittura superiori) degli uomini in tantissimi aspetti della vita pubblica e privata. Intelligenza, intuito, senso del dovere , serietà, cultura, impegno , gentilezza , dedizione, umanità.... tanto per dirne alcune delle cose in cui superano noi maschietti di varie lunghezze. Ora mi chiedo: l'espressione " pari opportunità" , e la Costituzione in merito parla molto chiaro, non significa che tutti partono allineati dallo stesso nastro di partenza? Che tutti hanno di fronte la stessa chance e le stesse possibilità? Non credo che voglia significare "deve vincere assolutamente una donna, o donne, anche se la stessa ( o le stesse) siano delle persone impreparate, non titolate , magari anche corte di cervello ( di uomini così ne conosco tantissimi) e comunque completamente inadeguate a ricoprire questa o quella carica, a rivestire questo o quell'incarico. La gara è aperta a tutti: che vinca il migliore o la migliore , il più raccomandato o la più raccomandata ( nel caso di cariche pubbliche) , il più o la più politicamente "protetta (o) " , etc. etc.. Se poi succede che in un determinato consesso non figurano donne in numero sufficiente o non figurano proprio, un motivo oggettivamente valido ci sarà pure stato, ma credo che l'ipotesi di tipo "complottistico" ( misoginia istituzionale voluta ed organizzata….) sia solo pura fantasia , solo occasione per dar vita a scontri politici ( come se quelli che ci sono non bastassero) ed imporre il pensiero illiberale del " o fai così o non capisci una mazza" . Chi vale, vale: chi ha capacità , le ha: chi è in grado di fare taluni cose , lo è . A prescindere da come madre natura abbia deciso di conformarci anatomicamente. E , a titolo personale, se avessi un'impresa provvederei ad avere più collaboratrici che non collaboratori: avrei sicuramente successo.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento