menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nel centro storico di Mesagne la quinta Festa del carciofo brindisino

Nelle serate di domenica 30 aprile e lunedì 1 maggio il centro storico di Mesagne ospiterà la quinta edizione della Festa del Carciofo Brindisino organizzata dalla Associazione Ristoranti Mesagnesi Riuniti in collaborazione con l'amministrazione comunale

MESAGNE – Nelle serate di domenica 30 aprile e lunedì 1 maggio il centro storico di Mesagne ospiterà la quinta edizione della Festa del Carciofo Brindisino organizzata dalla Associazione Ristoranti Mesagnesi Riuniti in collaborazione con l’amministrazione comunale,  Assessorato alle Attività Produttive e Turismo.

Artisti di strada, spettacoli, momenti di riflessione e confronto immersi nella suggestiva cornice dei vicoli e dei beni storici e monumentali della città accompagneranno la degustazione enogastronomica e le decine di stand degustativi curati dall’Associazione Ristoratori Riuniti di Mesagne nelle principali piazze del centro antico della città: piazza Orsini, via Castello, piazza IV Novembre, piazza Criscuolo, piazza Commestibili.

Indiscusso padrone di casa e protagonista di questa due giorni sarà il carciofo brindisino, ortaggio d’eccellenza e naturale marchio identificativo del territorio, dalle proprietà nutritive ed organolettiche uniche. Lunedì 1 maggio, alle 18 presso il Castello Normanno Svevo, un convegno organizzato in collaborazione con l’Università di Foggia farà il punto sulla sua valorizzazione e sulle multiformi proprietà benefiche per la salute umana.

Tantissime le ricette che verranno preparate dai circa trenta operatori e professionisti del mondo “food” cittadino. Dal dolce al salato, dal tradizionale alle sperimentali tante opportunità per assaporare questo prodotto della nostra terra che può vantarsi del marchio geografico di qualità Igp. Assieme al carciofo brindisino non mancheranno i tipici prodotti dell’enogastronomia e della cultura artigianale pugliese.

Una festa che avrà una spiccata sensibilità ambientale: tutti gli operatori aderiscono e promuovono la raccolta differenziata dei rifiuti. In collaborazione con l’Assessorato all’Ecologia e Ambiente nel percorso della festa saranno previsti diversi punti di raccolta differenziata dei rifiuti. Grazie alla partnership con Axa Gial Plast la due giorni di festa dedicata al carciofo sarà certificata come EcoFesta e questo permetterà agli organizzatori di convertire l’impegno nel differenziare i rifiuti con il dono di alberi da destinare alla comunità, come già avvenuto nell’ultima edizione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento