Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Economia

Bando per la banda ultra larga: interessati 17 Comuni del Brindisino

Sono 17 i Comuni del Brindisino interessati dal bando regionale per la banda ultra larga. Il capogruppo regionale del Pd propone che si ragioni in termini di Area vasta per cogliere questa occasione

BARI - Una "esortazione" agli Enti locali affinché assumano un "ruolo da protagonisti" nell’ambito del ‘Bando regionale per lo sviluppo delle Rete a Banda Ultra Larga nella Regione Puglia’, la rivolge il capogruppo del Pd in Consiglio regionale, Pino Romano, secondo il quale “è necessario che i territori coinvolti ragionino in termini di Area vasta, motivo per cui propongo che per i 17 Comuni della provincia di Brindisi interessati dagli interventi, il Comune capoluogo svolga una funzione di coordinamento, affinché si faccia rete per la grande rete: il web”.

“A questo scopo – precisa Romano – sono assolutamente disponibile a offrire il mio contributo, affinché non si perda neanche una delle migliaia di opportunità che questo bando offre, a partire da quella di colmare il divario che ancora ci separa con altre zone d’Europa, dove la banda ultra larga è da tempo realtà”. “Connessioni più veloci  - sottolinea Romano – non vuol dire solo poter navigare più rapidamente, ma raggiungere i propri obiettivi economici e commerciali, i propri studi, le proprie mete professionali, in maniera più snella ed efficiente. Così come per la Pubblica amministrazione significa avere la capacità di offrire servizi migliori ai cittadini, in tutti i campi”.

“Senza sottovalutare il fatto – precisa il capogruppo Pd – che con questo bando saranno 148 i Comuni pugliesi che, entro giugno 2016, beneficeranno della connettività a fibra ottica: 2.682.311 cittadini, 47 aree produttive e 1.217.690 unità immobiliari. Duemila chilometri di rete ottica e un beneficio occupazionale di almeno 500 occupati per i primi tre anni nei settori impiantistico, civile, elettronico e delle telecomunicazioni”.

In provincia di Brindisi i Comuni interessati sono: Carovigno, Ceglie Messapica, Cellino San Marco, Cisternino, Erchie, Fasano, Francavilla Fontana, Latiano, Mesagne, Oria, Ostuni, San Donani, San Pancrazio Salentino, San Pietro Vernotico, San Vito dei Normanni, Torre Santa Susanna, Villa Castelli. A realizzare l’opera la Società Telecom Italia SpA., con un investimento complessivo di 95.068.000 di euro di cui 61.728.411,35 di euro di contributo regionale. L’obiettivo è portare connettività ad almeno 30 megabit per secondo (Mbps, unità di misura che indica la capacità-velocità di trasmissione dei dati su una rete) e a 100 Mbps, sfruttando il modello Nga (Next generation Access). 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bando per la banda ultra larga: interessati 17 Comuni del Brindisino

BrindisiReport è in caricamento