rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Economia

E' uscita la seconda edizione di "OstuniPocket"

OSTUNI - Una città da scoprire nella seconda edizione dell’OstuniPocket 2010, la guida tascabile gratuita che da oggi si può trovare nei punti di informazione turistica (Apt, InfoPoint e Sportello per disabili di corso Mazzini), presso i bar, gli alberghi, la stazione, i parchi e tutti i luoghi turistici in Ostuni e dintorni.

OSTUNI - Perché chiamano "pianura" una via del centro storico di Ostuni; come mai la processione della Madonna della Grata è tra le manifestazioni di fede più affollate; cosa accadde nel 1917 sul viale panoramico Oronzo Quaranta. E ancora: gli eventi di tutto l'anno nella Città Bianca, i tanti mercatini sparsi in paese, gli orari dei bus che portano in spiaggia, la cartina geografica per orientarsi e ricette da portare a casa al rientro da una vacanza nella meravigliosa terra senza tempo.

Una città da scoprire nella seconda edizione dell'OstuniPocket 2010, la guida tascabile gratuita che da oggi si può trovare nei punti di informazione turistica (Apt, InfoPoint e Sportello per disabili di corso Mazzini), presso i bar, gli alberghi, la stazione, i parchi e tutti i luoghi turistici in Ostuni e dintorni.

La guida accompagna per mano il turista negli angoli e paesaggi più belli, gustando i sapori mediterranei più intensi, raccontando leggende, storie e tradizioni centenarie. Impreziosita da foto inedite, OstuniPocket guarda lontano e vuole offrire al turista in 64 pagine tascabili l'immagine di una città non solo rinomata per il suo centro storico e per la tinteggiatura a latte di calce, bensì per il valore delle sue tradizioni e per l'unicità dei suoi monumentali paesaggi che l'abbracciano dal mare alla collina. Dalla strada realizzata dai prigionieri di guerra ai tempi della prima guerra mondiale (viale Oronzo Quaranta noto come "lu stradone") all'unico tratto pianeggiante in un'altalena di vicoli sali-scendi nel cuore del borgo antico. Dalla pesca bio dell'anguilla all'artigiano che racconta storie intrecciando rami di ulivo. Dalle scogliere più nascoste alle serate condite da sapori appulomediterranei come frise, fichi e piatti di acquasala. Non mancano le informazioni su dove dormire con un dettagliato elenco di alberghi, agriturismi, campeggi e b&b.

La guida OstuniPocket è realizzata da Alba Comunicazioni, agenzia di comunicazione e pubblicità, in collaborazione con l'Apt di Brindisi nell'ambito della Manifestazione Città Aperte 2010.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

E' uscita la seconda edizione di "OstuniPocket"

BrindisiReport è in caricamento