menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pagamenti bloccati: operatori ecologici in Comune. “Serve l’ok del giudice”

Malcontento dei lavoratori per la mancata corresponsione delle spettanza maturate con Ecologica Pugliese. Il dirigente Padula: “Durc irregolare, non possiamo pagare”

BRINDISI – Aumenta il malcontento dei dipendenti della ditta Ecotecnica per la mancata corresponsione delle spettanze maturate con l'azienda che fino allo scorso luglio ha gestito il servizio di raccolta di rifiuti solidi urbani per conto del Comune di Brindisi, Ecologica Pugliese. Decine di lavoratori stamani (6 dicembre) hanno varcato la soglia di Palazzo di città, riempiendo l’aula Mario Marino Guadalupi, per chiedere chiarimenti all’amministrazione comunale. 

Gli operatori ecologici, in particolare, sollecitano il Comune affinché venga sbloccato il pagamento dei crediti rivendicati: l’intera mensilità di giugno 2017, otto giorni della mensilità di luglio 2017, metà della tredicesima e metà della quattordicesima. 

Il dirigente del settore Ecologia e Ambiente del Comune, l’ingegnere Gaetano Padula, ha incontrato i lavoratori sotto gli sguardi degli agenti della Digos e degli agenti della polizia locale, chiarendo, in sostanza, che l’amministrazione comunale attende il via libera del giudice della sezione Fallimentare del tribunale di Bari che sta seguendo la pratica riguardante il concordato preventivo chiesto da Ecologica Pugliese.

lavoratori di Ecotecnica-2

“Il canone di giugno e otto giorni di quello di luglio – chiarisce Padula – non li abbiamo versati a Ecologica Pugliese. Nelle casse del Comune c’è un credito di un milione e 200 mila euro”. Questa somma non è potuta confluire nei correnti dei lavoratori per un problema che più volte, dal momento dell’insediamento di Ecologica Pugliese, ha provocato ritardi nei pagamenti. Quale? La mancata regolarità del Durc (Documento unico di regolarità contributiva) della ditta di Capurso. 

“Ieri abbiamo incontrato il giudice del tribunale di Bari – spiega ancora Padula – e gli abbiamo depositato l’istanza di autorizzarci a pagare le spettanze dei lavoratori, malgrado il Durc sia irregolare. Se il giudice ci autorizzerà – afferma ancora Padula, rivolgendosi ai lavoratori – vi liquideremo subito le somme”. La risposta del giudice, da quanto riferito dal dirigente comunale, dovrebbe arrivare nel giro di alcuni giorni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento