menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Incontro sull'Area logistica integrata, mentre si è arenata l'Adsp adriatica

Lunedì 6 febbraio, dalle ore 14, presso la nuova sede regionale di Bari – Japigia, si terrà il primo incontro con il partenariato economico dell’Area Logistica Integrata (Ali) del sistema pugliese-lucano, promosso dal Ministero delle Infrastrutture e dalle regioni Puglia e Basilicata

Lunedì 6 febbraio, dalle ore 14, presso la nuova sede regionale di Bari – Japigia, si terrà il primo incontro con il partenariato economico dell’Area Logistica Integrata (Ali) del sistema pugliese-lucano, promosso dal Ministero delle Infrastrutture e dalle regioni Puglia e Basilicata. Parteciperanno le Autorità portuali di Brindisi, del Levante, di Manfredonia che ancora attendono la costituzione operativa dell'Autorità di sistema portuale del Marea Adriatico Meridionale, e quella già costituita del Mar Ionio, oltre all’Agenzia per la Coesione Territoriale, Rete Ferroviaria Italiana (gruppo Fs)  e i principali rappresentanti del tessuto produttivo locale e della logistica.

Una strategia del sistema regionale, con porti, retro porti, interporti e piattaforme logistiche con le connessioni ai corridoi e alle reti di trasporto dovrà essere definita all’interno dell’Area Logistica Integrata. Si discuterà dei lavori del tavolo tecnico locale che ha elaborato il documento strategico di sviluppo dell’Ali e ci sarà un confronto con il partenariato.

Ma anche su questo percorso dell'Area Logistica Integrata pesa l'ingiustificabile ritardo della nomina del presidiente della Autorità di sistema portuale dell'Adriatico Meridionale, che mette insieme i porti di Bari, Brindisi, Manfredonia, Barletta e Monopoli. La designazione di Ugo patroni Griffi condivisa dal ministro Graziano Del Rio e dal presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano (che ha ricevuto anche il via libera dall'Autorità anticorruzione), si è misteriosamente arenata e con essa l'urgenza dell'entrata in vigore della rioforma della portualità, quanto meno in questo estremo lembo d'Italia.

Una situazione che sta innervosendo gli operatori marittimi, anche a causa delle evidenti attività di lobbing dei soliti personaggi in cerca di autore. Per il momento, su questo punto Emiliano pare non abbia ancora fornito chiarimenti agli operatori portuali che stanno premendo per ottenere finalmente un quadro chiaro della governance dei cinque porti adriatici pugliesi. Parlare di logistica in questa situazione risulta difficile, in mancanza di uno degli interlocutori più importanti

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Torna ad aumentare il numero dei positivi e dei decessi in Puglia

  • Cronaca

    Sprangate contro l'ex della fidanzata: condannato a dieci anni

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento