Elezioni

Tabelloni elettorali, spazi assegnati: ora parte l’offensiva agli abusivi

Approvati oggi con delibera della struttura commissariale. Ad ognuna delle 22 liste spetta un "rettangolo" di due metri di altezza per un metro. Ecco la piantina quartiere per quartiere

BRINDISI – Rispetto e quindi legalità anche in materia di spazi elettorali perché ogni candidato sindaco di Brindisi e ogni lista possono fare “propaganda elettorale” solo nei punti stabiliti dal Comune: la piantina dei luoghi è stata approvata con delibera della struttura commissariale e rappresenta la bussola per la navigazione sino al 5 giugno. In caso di violazione, sono pronti a intervenire i vigili urbani.

I controlli dei vigili urbaniL’offensiva agli abusi, in effetti, parte da oggi. Di conseguenza occhio agli spazi, avviso che vale ai naviganti: prima di tutto ai sei aspiranti sindaco di Brindisi, quindi all’esercito di aspiranti consiglieri comunali in corsa per i 32 scranni dell’Aula di Palazzo di città.

In Centro i punti autorizzati per le affissioni elettorali sono due: in via Nazario Sauro, lato del palazzo che ospita l’Agenzia delle Entrate e viale della Libertà, spartitraffico centrale.

A Tuturano le affissioni sono possibili solo in via Regina Elena, sul lato della strada che costeggia la vecchia scuola elementare.

Al Casale, in via Duca degli Abruzzi, lato chiesa e fronte via Bafile. Per il rione Commenda, i tabelloni sono stati già sistemati in via Sicilia, fronte della strada; per la zona di Santa Chiara in via Galanti, ingresso lato dell’istituto professionale Morvillo-Falcone; per il rione Bozzano, il punto autorizzato si trova in viale Europa, angolo con via Unione Sovietica; in via Cappuccini, il punto è in piazza Di Summa, fronte ex ospedale.

Per il quartiere Sant’Elia sono stati individuati due punti: in via Mantegna, zona adiacente la zona sportiva, e in via Caravaggio, fronte viale Ligabue. Per il rione Perrino, viale Arno, fronte i palazzi chiamati Torre; per la zona del quartiere La Rosa in piazza dei Pini e per il Paradiso in via Egnazia da via Pascoli e sino a via Prati.

Per le affissioni, vale l’ordine stabilito a seguito del sorteggio dei candidati e delle liste, svolto nella sala consiliare del Comune sabato pomeriggio, davanti ai componenti della commissione elettorale. Si tratta dello stesso ordine che verrà riportato nella scheda elettorale che sarà consegnata il 5 giugno, giorno del ritorno alle urne.

Per ogni lista lo spazio a disposizione ha altezza di due metri e larghezza di un metro. L’ordine di affissione deve essere il seguente: Simona Pino d’Astore con liste BrindisInAzione, Brindisi Piazza Pulita e Un’Amica in Comune; Riccardo Rossi con Brindisi Bene Comune e Sinistra per Brindisi; Nicola Massari con Viva Brindisi, Forza Italia, Fratelli d’Italia e Federazione Popolare; Stefano Alparone con Movimento 5 Stelle; Angela Carluccio con Conservatori e Riformisti, Democratici per Brindisi, Noi Centro con Brindisi, Brindisi prima di tutto e Impegno sociale; Nando Marino con Rinasce Brindisi, Cantiere giovani, Brindisi popolare, Nando Marino sindaco, Partito democratico, La Puglia in più e Unione di Centro.

I controlli per il rispetto degli spazi elettorali sono delegati agli agenti della polizia municipale, con il coordinamento del comandante Teodoro Nigro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tabelloni elettorali, spazi assegnati: ora parte l’offensiva agli abusivi

BrindisiReport è in caricamento