menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Chiostro per i tamponi rapidi: locale a disposizione dei medici di base

Struttura nel centro di Fasano data in comodato d'uso alla Consulta delle associazioni. Tutti negativi i test sugli studenti

FASANO – Un locale comunale per i medici di famiglia per effettuare i tamponi rapidi in maniera tempestiva ed efficace. Fasano aggiunge un altro tassello importante alla lotta contro il virus per favorire una uscita sempre più rapida dalla pandemia. Grazie all’impegno dell’amministrazione comunale i medici di base avranno a disposizione un locale nel chiostro dei Minori Osservanti di corso Vittorio Emanuele per lo screening anti Covid-19 con test antigenici. Il locale è quello dato in comodato alla Consulta delle associazioni che si è subito messa a disposizione per consentirne l’utilizzo ai dottori. 

«Ringrazio la Consulta e la presidente Maria Teresa Maggi per la sensibilità dimostrata in questo momento di necessità e voglia di ripartire – dice il sindaco Francesco Zaccaria –. Fra qualche giorno i medici di base, a cui va un grande grazie per l’impegno che stanno mostrando, saranno pronti per avviare lo screening e questo ci consentirà di essere più efficaci nella prevenzione, in attesa dell’inizio della campagna di vaccinazione di massa che partirà nei prossimi mesi». Campagna che a Fasano si svolgerà al primo piano del centro commerciale Conforama dove sarà allestito un hub da 4mila metri quadrati (il primo individuato in Puglia) per effettuare 2mila prestazioni al giorno. La nuova area vaccinale sarà attiva non appena arriveranno le dosi del vaccino AstraZenaca. Nell’hub saranno impegnati 12 medici, 50 infermieri e assistenti, 20 amministrativi, 10 Oss per un turno di 12 ore. La campagna potrà proseguire anche ininterrottamente, 24 ore su 24, non appena la disponibilità dei vaccini sarà superiore». 

Intanto è terminato lo screening con tamponi rapidi nelle scuole a tutti gli studenti, docenti e personale. Il monitoraggio, effettuato con 1500 test antigenici, ha dato esito negativo in tutti gli istituti.  «Ringrazio i dirigenti scolastici delle scuole, la Croce rossa di Roberto Posado con i volontari e il personale infermieristico e tutti coloro che hanno reso possibile l’azione di monitoraggio – dice il sindaco – . In particolare ringrazio i medici pediatri: il dott. Pulito, il dott. Mastro e le dott.sse Leuci, Mazzei, Schiavone e Carrieri. Grazie anche al direttore del Sisp di Brindisi, Stefano Termine, per aver  subito accolto la nostra richiesta di screening e l’ordine dei medici per la collaborazione.  L’implementazione dei test è un’ulteriore precauzione che, anche se non risolve ogni problema, ha consentito una ripresa più serena delle lezioni per quanti hanno optato per la didattica in presenza».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Scuola: il Tar sospende l'ordinanza regionale, si torna in aula

Attualità

Genitori e alunni contro la Dad: flashmob davanti alle scuole

social

Un Romeo a quattro zampe, Willy attende l'amata sotto al balcone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Un Romeo a quattro zampe, Willy attende l'amata sotto al balcone

  • social

    Mesagne, bando "Honestas": proclamato il vincitore

Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento