rotate-mobile
Cultura

La tragedia della corazzata "Roma"

BRINDISI - Non dimenticare una tragedia che ha segnato la morte di una patria e la rinascita di un popolo: venerdì 6 settembre, nel Castello Svevo di Brindisi alle ore 10, avrà luogo un convegno storico dal tema: “L’8 settembre e la tragedia della Corazzata Roma”.

BRINDISI - Non dimenticare una tragedia che ha segnato la morte di una patria e la rinascita di un popolo: in occasione della cerimonia commemorativa della 'Giornata della Memoria dei Marinai Scomparsi in Mare' che si terrà a Brindisi il 9 settembre 2013 presso il Monumento Nazionale al 'Marinaio d'Italia, venerdì 6 settembre, nel Castello Svevo di Brindisi alle ore 10, avrà luogo un convegno storico dal tema: "L'8 settembre e la tragedia della Corazzata Roma".

Il 9 settembre del 1943, la nave da battaglia 'Roma' venne affondata da bombardieri tedeschi, mentre, al comando di numerose unità navali italiane, si stava dirigendo verso l'isola della Maddalena, come concordato con gli alleati in seguito all'armistizio dell'8 settembre. In breve tempo, tra coloro che scomparvero in mare e quelli che moriranno in seguito per le gravi ferite riportate, i marinai italiani caduti saranno 1.393. Una grande tragedia del mare, la triste apertura di una lunga stagione di sofferenze per il nostro Paese che scivolerà nell'abisso, sempre più giù fino all'orlo della distruzione totale, per poi rinascere.

Un evento che avrà tutti i riflettori puntati nella disamina di quell'infausto giorno, e che sarà presieduto dal comandante in capo del Dipartimento Militare Marittimo dello Jonio e del Canale d'Otranto, ammiraglio di squadra Ermenegildo Ugazzi, al quale si aggiungeranno le autorità civili, militari e religiose della provincia di Taranto e Brindisi ed avrà come relatori il professor Vito Gallotta dell'Università degli Studi di Bari e il Capitano Di Vascello Patrizio Rapalino dell'Ufficio Storico della Marina Militare.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La tragedia della corazzata "Roma"

BrindisiReport è in caricamento