menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Luca Carlino durante il concerto per Melissa Bassi

Luca Carlino durante il concerto per Melissa Bassi

Luca ora punta su Sanremo giovani

BRINDISI - "Di tutte le cose inutili l'arte è la più necessaria" scriveva Oscar Wilde. L'arte è un elemento immortale della vita e a volte per riuscire ad esprimerlo bisogna seguire le esigenze della propria anima. Chi riesce a procedere con filosofia nella propria vita sicuramente avrà una visione differente delle cose naturali e materiali. Luciano Carlino (meglio conosciuto come Luca), un giovane artista di Brindisi, 19 anni, ha fatto della propria vita un'arma per allietare l'anima attraverso l'arte, e dare ad essa un'espressione, "la più bella" dice lui. Il suo primo sorprendente Ep "In my infinity" con tre inediti è uscito pochi giorni fa ed è prodotto dalla Albano Carrisi Production. Un altro inedito è già in viaggio verso Sanremo per concorrere nella sezione Giovani.

BRINDISI - "Di tutte le cose inutili l'arte è la più necessaria" scriveva Oscar Wilde. L'arte è un elemento immortale della vita e a volte per riuscire ad esprimerlo bisogna seguire le esigenze della propria anima. Chi riesce a procedere con filosofia nella propria vita sicuramente avrà una visione differente delle cose naturali e materiali. Luciano Carlino (meglio conosciuto come Luca), un giovane artista di Brindisi, 19 anni, ha fatto della propria vita un'arma per allietare l'anima attraverso l'arte, e dare ad essa un'espressione, "la più bella" dice lui. Il suo primo sorprendente Ep "In my infinity" con tre inediti è uscito pochi giorni fa ed è prodotto dalla Albano Carrisi Production. Un altro inedito è già in viaggio verso Sanremo per concorrere nella sezione Giovani.

Il giorno è composto da ventiquattro ore e di seguito una sfilza di minuti e una miriade di secondi dovrebbero essere ninfa vitale per sfruttare al meglio ciò che la vita regala giornalmente. Scovare, negli anni, e trovare la giusta intuizione nel proprio essere, nell'animo, è difficile o forse, a volte, vi si dedica solo troppo poco tempo. Durante la crescita, ogni uomo fa ciò che più lo rappresenta; il punto importante è fare ciò che più, invece, riesce a esprimere le proprie emozioni.

L'artista è colui che ha un animo e quest'ultimo lo conosce così a fondo da saperne i limiti e vincerli, superandoli. Ogni animo ha un'immortalità, basta trovarla. Il giovane Luca Carlino, è come se avesse, nei sette anni di studio, raggiunto la sua immortalità. E' come se l'essere artista gli appartenesse già. Una filosofia di vita, la sua, molto distante dai luoghi comuni di oggi ma semplicemente risiede nella massima espressione di comunicare un'emozione, la sua.

Come si definisce Luca Carlino?

"Semplicemente un artista. L'arte raccoglie tutto. Ed io mi sento completo nel momento in cui affronto le mie attività quotidianamente, dalla danza al canto e al pianoforte. Mi viene tutto così naturale, sarà forse perchè ho fatto dell'arte la mia vita. Bisogna in ogni modo avere un cuore e passione, molto sacrificio e dedizione, prima di riuscire a cantare, ballare o suonare perchè prima di aver delle doti eccezionali se ti mancano queste doti naturali, secondo me, non si raggiungono grandi risultati. Io mi definisco così, mi sento di appartenere all'arte in generale".

Luca Carlino ha inziato all'età di 12 anni a danzare, prima hip hop e poi danza classica, moderna e contemporanea, fino a raggiungere, sempre, e in tutti e tre i settori, risultati e voti eccellenti. Dopo pochi mesi, però, la sua espressività voleva più spazio così s'iscrisse ad una scuola di canto. Da sempre ha avuto anche la passione di scrivere, e dopo poco tempo, iniziando anche a suonare il pianoforte, cominciò a scrivere testi di canzoni.

Cos'è l'arte secondo lei?

"L'arte è immensa. I tre aspetti più importanti, secondo me, sono la l'arte intesa come danza, l'arte musicale anche attraverso la composizione, e l'aspetto artistico cioè quello della recitazione cinematografica e teatrale. Più conosci te stesso e più potrai riconoscere l'arte della vita. Conoscere i propri limiti significa superarli. L'arte è la strada per conoscere di più se stessi. Ad esempio, l'uomo, per me, è armonia, la vita dell'uomo vive grazie al cuore, il cuore è un battito cioè un ritmo che si snoda in suono naturale e materiale. Anche il silenzio è un'armonia che ci ricollega all'infinito".

Qual è l'arte che lo rappresenta di più?

"Ognuna è un pezzo della mia vita. Cerco di collegare tutto a tutto. Non è il voler fare il cantante o il ballerino o l'attore, la mia non è un 'fare' ma un'esigenza. Riesco ad esprimermi attraverso l'arte in generale. Da sempre ho avuto una predisposizione verso il ballo che poi si è mescolato col canto e il pianoforte. Quest'ultimo, per me, riesce a rappresentare l'espressività nel modo più profondo rispetto agli altri strumenti. Quando nella mia vita ho introdotto il pianoforte, finalmente avevo una base da dove iniziare a scrivere e quindi produrre canzoni. E' lo strumento più completo, secondo me, è quello più dolce in assoluto, lo amo così tanto, forse, perchè mi assomiglia molto".

Finalmente il suo primo cd è uscito, quali sono i temi trattati nei suoi tre inediti?

"Essendo un ragazzo, i miei obiettivi, adesso, sono la ricerca dei sogni, della felicità. Le mie canzoni parlano di desideri, che non bisogna abbattersi mai, perchè anche se ci sono dei momenti difficili, delle cadute durante il cammino, bisogna sempre avere la forza d'animo di rialzarsi, il coraggio di ricominciare e ricercare sempre quella 'sensazione del volo' intesa come libertà, andare oltre se stessi. Bisogna lasciare la materialità e andare verso l'infinito. Ogni canzone riprende un particolare sentimento di me stesso. Penso che i miei testi siano una forma che arriva dal mio cuore e dalla mia ispirazione".

Come si vede tra 10 anni?

"Mi vedo un'artista. Spero solo che la musica non mi abbandoni mai che venga sempre a bussare alla mia porta perchè le aprirò in ogni momento".

Gli inediti che si trovano nel cd di Luciano Carlino sono "E poi volare", "In my infinity" (che da anche il nome all'album) e "Se tu vuoi" che il giovane artista ha dedicato alle ragazze colpite dall'attentato del 19 maggio 2012 dinanzi la scuola Morvillo Falcone di Brindisi. L'Ep è una produzione Albano Carrisi Production, testi e musica sono di Luciano Carlino e gli arrangiamenti di Marci Sciarra.

SE TU VUOI

Musica e testo di Luciano Luca CARLINO

Prendi in mano la realtà
sei una stella in mezzo un cielo che?
brilli anche tu?
una luce forte che
non finirà mai
di combattere
se lo vuoi?
Prendi in mano la realtà
credi nel tuo cuore
e ascoltalo in te
un sentimento
che l'anima ha in se
non finirà mai
di combattere
se lo vuoi
se lo vuoi?
Le cadute hanno un fine
rialzarti è lo sai
cercare di inseguire
un sogno che tu vuoi
che tu vuoi?
Ma sai
sarà difficile
creare l'infinito
ma sei tu
e sei unica
sei tu
che pensi a come
libera i tuoi pensieri
vola più in alto che puoi
Ma le cadute hanno un fine
rialzarsi è lo sai
cercare d'inseguire
il sogno che tu vuoi
Sai le cadute hanno un fine
rialzarsi è lo sai
cercare di toccare
la stella che c'è in te
che c'è in te?!
Prendi in mano la realtà
sei una stella
in mezzo ad un cielo che
e brilli anche tu
una luce forte che
non finirà mai
di combattere se lo vuoi...

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

  • Homepage
  • Ultim'ora
  • Cronaca
  • Zone e Quartieri
  • Sport
  • Politica
  • Eventi
  • Cinema
  • Economia e Lavoro
  • Salute
  • Attualità
  • Ambiente
  • Video
  • Foto
  • Notizie dall'Italia
  • Meteo
  • Segnalazioni
  • Opinioni
BrindisiReport è in caricamento