menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Riciclo e vecchi mestieri, in una scuola doni di Natale preparati dai genitori

Si respira la magia del Natale di una volta nella scuola dell'infanzia "Annibale Cavaliere" del secondo circolo didattico di Mesagne, dove quest'anno i genitori hanno preparato artigianalmente i regali per i propri figli

MESAGNE – Si respira la magia del Natale di una volta, quando i doni venivano preparati in casa, nella scuola dell’infanzia “Annibale Cavaliere” del secondo circolo didattico di Mesagne, dove quest’anno i genitori hanno preparato artigianalmente i regali per i propri figli: bambole e cavalli di pezza con materiali riciclati. Per un ritorno al passato in nome del rispetto dell’ambiente e della natura.

La Scuola dell’Infanzia “Annibale Cavaliere” per il terzo anno consecutivo è impegnata nell’ambito dei diritti dell’infanzia, con il Progetto “Ma tu lo sai cosa sono questi diritti?. L’attenzione è rivolta al Manifesto dei diritti naturali del pedagogista Gianfranco Zavalloni al “Diritto ad un buon inizio” inteso come diritto dei bambini a vivere in un ambiente pulito, con attenzione a ciò che si mangia, si beve e si respira. Nasce la motivazione di guidare il bambino alla scoperta dell'ambiente che lo circonda nella prospettiva di “porre le fondamenta di un abito democratico, eticamente orientato, aperto al futuro e rispettoso del rapporto uomo-natura”, racconta un genitore.

bambole di pezza e genitori-2

“Diventa sempre più importante ri-educare, adulti e bambini insieme, ad una logica che abbia a cuore la natura e le sue risorse per evitare danni all'ecosistema, ma anche sprechi, consumi eccessivi ed immotivati che già nelle piccole azioni di ogni giorno possono essere evitati. Contenuti come: tutela del mondo animale e vegetale, riciclaggio, risparmio energetico, sostenibilità, eco-compatibilità, sicurezza ambientale, entrano perciò a buon diritto nel nostro progetto educativo. Sono coinvolte, anche, le famiglie in questo percorso di arricchimento reciproco per la crescita dei bimbi”.

bambole di pezza1-2

“Il periodo natalizio è stata la prima occasione di “partecipazione attiva” dei genitori alla progettualità della scuola. Alcuni genitori hanno proposto alle docenti di realizzare con materiale di riciclo i giocattoli da donare a Natale ai piccoli, idea vincente che ha visto la collaborazione e condivisione tra mamme, papà e nonne. Procurato l’occorrente, tutto materiale usato, hanno avuto inizio le attività di laboratorio, curate da una mamma tutor nei locali della Scuola in orario scolastico (dalle 8 alle 16)".

bambole di pezza2-2

“Le reazioni iniziali di molti genitori sono state di timore e scarsa fiducia nelle proprie capacità, trasformate, poi, in entusiasmo e gioia nel realizzare con le proprie mani i giocattoli per i figli. Ogni giocattolo fatto a mano ha un valore che va ben oltre la sua valutazione meramente commerciale è frutto di un’idea e di un pensiero, necessita di un tempo più o meno lungo per la sua realizzazione e chi lo realizza gli dedica attenzione e amore. Allora pensate che ricchezza può avere un giocattolo realizzato dai genitori per i propri bambini. Il giocattolo conserverà quella dose di dedizione e calore che la mamma o il papà hanno riversato in quell’oggetto. Il laboratorio è pieno di bambole, cavalli, si respira una magia natalizia dei tempi andati, che si completerà con una caccia al regalo, quando i bambini riceveranno i loro doni, intanto tutto avviene in grande segretezza per i bambini. Si può dire a gran voce che i genitori della Scuola dell’Infanzia “Cavaliere” si sono messi in gioco, hanno giocato, hanno realizzato dei Rici-Giochi e si possono definire degli “Eco-Genitori”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid in Puglia: calano ancora i ricoveri, ma i numeri restano alti

  • Cronaca

    Auto rubate tornano in circolazione come cloni: due arresti

  • Politica

    Il Tar dà ragione a Maiorano, eletto sindaco per due voti

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento