Il Comune: "La Fontana Tancredi sarà tutelata"

BRINDISI - L’Amministrazione Comunale di Brindisi fa chiarezza sul progetto relativo alla costruzione di uno stabile nell’area sovrastante la Fontana Tancredi. “Il progetto - è riportato in una nota del Comune - prevede la realizzazione di un fabbricato composto da piano seminterrato più tre piani fuori terra previa demolizione di alcuni manufatti esistenti".

BRINDISI - L'Amministrazione Comunale di Brindisi fa chiarezza sul progetto relativo alla costruzione di uno stabile nell'area sovrastante la Fontana Tancredi. "Il progetto - è riportato in una nota del Comune - prevede la realizzazione di un fabbricato composto da piano seminterrato più tre piani fuori terra previa demolizione di alcuni manufatti esistenti. Il progetto ricade in un lotto appartenente ad isolati urbani compresi tra via del Lavoro e via della Vite, in corrispondenza della parte alta più prossima alla Fontana Tancredi; gli stessi isolati ricadono a loro volta in area tipizzata in "zona di completamento b2" dal piano regolatore generale vigente e pertanto edificabile. L'area richiamata non è sottoposta a vincolo indiretto ai sensi della normativa vigente in materia di tutela paesaggistica".

"A seguito di un interessamento diretto da parte di "Italia Nostra" il settore Urbanistica ed assetto del territorio di questa amministrazione ha prodotto ampia e puntuale relazione alla Soprintendenza ai beni architettonici in ordine alle tematiche sollevate e riferite agli isolati di cui sopra, volta ad ottenere un parere al riguardo. Detta relazione, risalente al 25 settembre 2009, a tutt'oggi e quindi anche alla data del 13 aprile 2010, data di rilascio del permesso a costruire del fabbricato in questione, non ha ricevuto il riscontro richiesto. Ma già in passato l'Amministrazione Comunale di Brindisi aveva interessato la Soprintendenza per l'espressione del proprio parere di competenza in occasione di una istanza per la realizzazione di un fabbricato prodotta dal proprietario di un lotto ubicato nelle immediate vicinanze della Fontana Tancredi ed attiguo a quello in oggetto".

"La stessa Soprintendenza, con note del 29 gennaio 2004 e del 13 aprile 2005, comunicava che il lotto d'intervento non era sottoposto ad alcun tipo di vincolo riservandosi altresì l'eventualità di sottoporre l'area circostante il monumento ad un vincolo di rispetto ai sensi dell'art. 49 del d.l.vo n.490/99. Dette note, a seguito di ricorso prodotto dalla ditta stessa, furono annullate dal Tar di Lecce con sentenza del 20 luglio 2005 n.738/05 con sospensione dell'esecuzione e di ogni altro atto presupposto. A tutt'oggi non risulta agli atti dell'Amministrazione comunale che la Soprintendenza abbia appellato detta sentenza al Consiglio di Stato e pertanto i lotti in questione risultano liberi da qualsiasi vincolo di tutela".

"Si specifica, quindi, che il settore Urbanistica ed assetto del territorio ha valutato le proposte d'intervento sull'area di che trattasi conformemente agli strumenti urbanistici vigenti tenendo peraltro conto della singolarità del sito apponendo prescrizioni e condizioni particolari. L'Amministrazione Comunale di Brindisi, tramite il settore Beni monumentali, ha attivato un procedimento di salvaguardia della visuale della Fontana attraverso un progetto di piantumazione di vegetazione a medio alto fusto nella parte retrostante la stessa al fine di schermarla totalmente dall'edificazione presente, pur se consapevoli di operare in un contesto più generale già segnato da una rilevante densità edilizia".

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
BrindisiReport è in caricamento