rotate-mobile
energia

"Sfir non raddoppierà la centrale"

BRINDISI - Non c'è alcun progetto di raddoppio della centrale interna a biomasse e comunque della produzione elettrica della raffineria di zucchero Sfir di Brindisi. Lo fa sapere la stessa azienda in un comunicato odierno, alla luce della nota diffusa nei giorni scorsi dal consigliere regionale di Fli, Euprepio Curto, in cui si parlava in verità di voci circolanti circa tale ipotesi. Ecco quindi la smentita da parte di Sfir.

BRINDISI - Non c'è alcun progetto di raddoppio della centrale interna a biomasse e comunque della produzione elettrica della raffineria di zucchero Sfir di Brindisi. Lo fa sapere la stessa azienda in un comunicato odierno, alla luce della nota diffusa nei giorni scorsi dal consigliere regionale di Fli, Euprepio Curto, in cui si parlava in verità di voci circolanti circa tale ipotesi. Ecco quindi la smentita da parte di Sfir.

"In relazione alle infondate notizie apparse, in data odierna, su alcuni organi di informazione, l'Amministratore Delegato, di Sfir Raffineria di Brindisi SpA, Massimiliano Bassi, desidera smentire categoricamente ogni contatto formale od informale avente per oggetto l'ampliamento della centrale di cogenerazione di energia da fonti rinnovabili realizzata a servizio della raffineria di zucchero greggio", si legge nel brevissimo comunicato.
Dal board della Società fondiaria industriale romagnola - dove della faccenda dell'ipotetico raddoppio in itinere hanno appreso con un certo ritardo - precisano anocra: "La strategia della società non prevede alcun ampliamento né ora né in futuro della centrale di cogenerazione di energia da fonti rinnovabili. La società è focalizzato sulla sua attività principale, quella della raffinazione dello zucchero greggio di cui la centrale costituisce un servizio ausiliario".

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Sfir non raddoppierà la centrale"

BrindisiReport è in caricamento