rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
scuola

Atenei pugliesi, ossigeno dal Cipe

BARI – Lo avevano già annunciato pochi giorni fa l’assessore regionale Alba Sasso e poi successivamente la vicepresidente Loredana Capone che finalmente il mondo dell’università e la ricerca pugliese inizia nuovamente a respirare con i 365 milioni di euro in arrivo con la delibera Cipe – comitato interministeriale per la programmazione economica. La conferenza di presentazione del progetto concesso all’università si terrà lunedì 3 ottobre prossimo presso la Presidenza della Regione Puglia, alla presenza del governatore Nichi Vendola e gli assessori regionali competenti.

BARI - Lo avevano già annunciato pochi giorni fa l'assessore regionale Alba Sasso e poi successivamente la vicepresidente Loredana Capone che finalmente il mondo dell'università e la ricerca pugliese inizia nuovamente a respirare con i 365 milioni di euro in arrivo con la delibera Cipe - comitato interministeriale per la programmazione economica. La conferenza di presentazione del progetto concesso all'università si terrà lunedì 3 ottobre prossimo presso la Presidenza della Regione Puglia, alla presenza del governatore Nichi Vendola e gli assessori regionali competenti.

La vicepresidente Loredana Capone e Alba Sasso illustreranno i particolari della delibera Cipe che assegna alla Puglia 365mln di euro per le Università e la ricerca. In conferenza stampa ci saranno i quattro rettori delle Università pugliesi, Corrado Patrocelli per l'Università degli Studi di Bari, Domenico La Forgia per quella del Salento, Giuliano Volpe per l'Università di Foggia e Nicola Costantino per il Politecnico di Bari.

"Una boccata d'ossigeno arriva in Puglia - a dichiararlo è Loredana Capone - con i 365mln di euro della delibera Cipe che rappresenta il segno della discontinuità rispetto ad anni di solitudine della Regione Puglia nell'investimento nell'università e ricerca. Una solitudine operosa che almeno un risultato l'ha portato: quello di ottenere per prima la delibera di finanziamento".

Edilizia, strutture per la didattica e progetti di ricerca saranno al centro di un'importante attività di investimento e saranno anch'essi argomento di presentazione nella conferenza stampa di lunedì prossimo. Oltre alla delibera Cipe, la Regione Puglia, con l'assessore Alba Sasso, aveva già annunciato l'arrivo di altri fondi per le Università pugliesi e il mondo della ricerca grazie al Piano di Lavoro.

Infatti, più di 16 milioni di euro saranno destinati ai dottorandi in Puglia. A beneficiare saranno i vincitori della borsa di studio che non sono stati finanziati due anni fa e l'anno scorso per mancanza di risorse. L'intervento varato dalla giunta Vendola è previsto dal Piano straordinario per il lavoro. Si rivolge ai vincitori senza borsa dei percorsi di dottorato del XXV e del XXVI ciclo attivati nelle università pugliesi pubbliche e private riconosciute dall'ordinamento nazionale.

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Atenei pugliesi, ossigeno dal Cipe

BrindisiReport è in caricamento