Opinioni

Opinioni

Musica negli asili nido, stimoli positivi per la crescita

L’ascolto di melodie ben precise, brevi, vocali e strumentali stimola la musicalità innata nei bambini

I corsi di musica ci fanno pensare a lezioni didattiche per imparare a suonare o cantare. Non è detto, non sempre. Infatti, per esempio, si possono stimolare i bambini anche piccolissimi all’asilo nido. Proprio così: tra i sei e i trentasei mesi la musica può essere efficace per la memoria verbale e a breve termine, l’abilità spazio-temporale e il linguaggio. Brevi e dolci melodie si possono far ascoltare con toni bassi e soft al bambino anche mentre è nel pancione, dall’esterno: questo benefica sia il feto cullandolo delicatamente che la mamma rilassando corpo e mente. 

Secondo Edwin E. Gordon padre della Teoria dell’Apprendimento Musicale, l’ascolto di melodie ben precise, brevi, vocali e strumentali stimola la musicalità innata. Ogni piccolo è diverso e risponde in maniera del tutto personale e spontanea allo stimolo musicale: qualcuno ascolta immobile, qualcun altro si muove. L’elaborazione del suono rispetta e segue tempi e modi del bambino. Questi apprendimenti di sintassi musicale migliorano lo sviluppo dell’attenzione, della capacità di ascolto, della velocità nel parlare, nell’esporre il pensiero e nella lettura.

In particolare, sarebbe interessante che al nido gli educatori impiegassero la musica per modulare il tempo di gioco, di socializzazione e di accudimento dei bambini, come momenti importanti per lo sviluppo emotivo, della comunicazione e della mimica dei piccoli. La musica attraverso il giocare è un tutt’uno con l’esperienza globale del bambino che gioca e conosce e tocca e ride e parla e canta e si sporca e si pulisce… esplora per conoscere, modellare e adattarsi all’ambiente e agli oggetti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

È un’esperienza di apprendimento continuo: il piccolo comprende che se respira in un certo modo può emettere dei suoni, giocando con il fiato e con il respiro, scopre che mettendo la bocca in una data posizione questo passaggio di aria produce un suono. Sono piccole tappe e scoperte importanti che possono essere raggiunte attraverso il gioco in cui il bambino divertendosi cresce e si ottimizzano le sue abilità di relazione tra i pari e con gli adulti. È bello e utile dare ai bambini strumenti che possono potenziare la comunicazione e l’autonomia. (rita.verardi@libero.it)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spaventoso scontro fra due auto in Emilia: grave un giovane brindisino

  • "Impossibile garantire distanziamento sociale", Carrisiland rinuncia alla stagione 2020

  • Scontro fra due auto sulla provinciale: feriti un uomo e una donna

  • Quattro nuovi casi in Puglia, uno in provincia di Brindisi

  • Positivi al Melli: Rizzo chiede conto alla Asl e nel frattempo chiude attività e spiaggia libera

  • Coronavirus, solo un caso in Puglia. Due morti nel Brindisino

Torna su
BrindisiReport è in caricamento