"Aziende allo stremo, congelare i tributi durante le restrizioni"

La Confcommercio scrive ai sindaci del Brindisino e chiede un confronto costante con le Istituzioni

Anna Rita Montanaro, presidente di Confcommercio

BRINDISI - "La gravissima crisi in cui si dibatte il Paese, a causa dell’emergenza sanitaria, richiede interventi immediati ed efficaci": è quanto scrive la Confcommercio di Brindisi, in una nota destinata a tutti i sindaci della provincia, per chiedere un incontro finalizzato ad avviare una fase di confronto sulle iniziative (di competenza comunale) a sostegno delle imprese, partendo dalla possibilità di congelare momentaneamente i tributi comunali. "La situazione venutasi a creare in seguito alla risalita della curva epidemiologica Covid e alla conseguente emanazione del Dpcm che limitano fortemente o vietano l’esercizio di alcune attività imprenditoriali - scrive nella lettera la presidente di Confcommercio Anna Rita Montanaro -  è davvero di difficile gestione. Le aziende nostre associate più interessate (discoteche, sale ricevimento, ristoranti, bar etc…) sono evidentemente allo stremo avendo superato già con grande affanno la prima fase del lockdown e le numerose manifestazioni di proteste pacifiche che si stanno susseguendo sono la rappresentanza di un disegno reale".

"La nostra organizzazione - aggiunge la presidente Montanaro -  come sempre, ha scelto la strada del confronto costruttivo e del dialogo con le Istituzioni a diversi livelli. Ci auguriamo che il ‘DecretorRistoro’ possa costituire una prima risposta al disagio delle imprese, ma siamo ben consapevoli che non sarà sufficiente a tenere in vita il sistema, specie se si ripeteranno i ritardi del recente passato. E’ in questa consapevolezza che chiediamo anche alle amministrazioni locali una attenzione particolare verso le imprese più colpite che, per tanti versi, costituiscono il primo elemento di vitalità delle città, dei centri storici”.

Prosegue la nota inviata ai sindaci: "Il problema - è evidente - non riguarda soltanto bar, ristoranti, pub, gelaterie e pasticcerie, ma l’intero comparto del commercio in quanto ci sono le condizioni - purtroppo - perché si arrivi ad un collasso dell’intero sistema commerciale, con la conseguente desertificazione delle città. E il dramma potrebbe essere ancora più evidente se non si riuscissero ad individuare soluzioni praticabili per il periodo natalizio. Tutto questo, ad esclusivo beneficio del commercio on-line gestito da grandi catene internazionali. Da qui la richiesta pressante di un confronto costante tra le amministrazioni locali e le associazioni di categoria, partendo dalla possibilità di congelare i tributi comunali per tutto il periodo in cui saranno in vigore limitazioni".

"La crisi del commercio - conclude la presidente Montanaro - era già manifesta nel 2019, con un saldo negativo tra nuove aperture e chiusure di ben 197 unità, con la conseguente perdita di migliaia di posti di lavoro. Adesso il colpo mortale della pandemia. Ecco perché non c’è più tempo da perdere”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio durante il rifornimento: in fiamme il distributore Ip di Sant'Elia

  • Meno contagi e meno tamponi nel weekend. Resta alto il numero dei decessi

  • Non torna a casa: trovato senza vita in auto in aperta campagna

  • Furti in casa mentre i proprietari dormono, paura nelle campagne

  • Sulla superstrada senza assicurazione e con targhe rubate: inseguimento

  • Coronavirus, risalgono i nuovi positivi e il numero dei decessi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento