Shuttle aeroporto-stazione Brindisi: pronto il progetto definitivo

Convocazione della conferenza dei servizi per l'approvazione, poi si procederà con le opere. Una storia cominciata dieci anni fa

BRINDISI – Un passaggio importante e decisivo per la realizzazione del famoso progetto dello shuttle tra Aeroporto del Salento e stazione ferroviaria di Brindisi, in piena integrazione con le esigenze di mobilità urbana di Brindisi, sarà la conferenza dei servizi, la cui convocazione è stata deliberata dalla giunta comunale il 3 marzo, in sede di valutazione e adozione delle modifiche non sostanziali apportate al progetto definitivo, concordate con l’impresa appaltatrice Doronzo Infrastrutture Srl, e apportate per superare l’altrimenti inevitabile sottomissione a procedura di Valutazione di impatto ambientale del progetto stesso e le osservazioni pervenute dai vari enti e amministrazioni coinvolte.

La conferenza dei servizi dovrà infatti procedere all’approvazione del progetto definitivo, e dare quindi il via agli interventi previsti. A fine novembre l’amministrazione comunale brindisina aveva sollecitato la Regione Puglia ad avviare un tavolo di concertazione con i soggetti sottoscrittori dell’Accordo di Programma Quadro Rafforzato “Trasporti”, siglato il 27 maggio 2013 con Mit, Mise e la stessa Regione, e il riscontro era giunto a stretto giro con invito al Comune di Brindisi “ad individuare, tra le opere già previste nel progetto posto a base di gara dell’intervento ‘Shuttle Aeroporto di Brindisi – Rete ferroviaria’, quelle la cui realizzazione è ritenuta funzionale alle attuali esigenze di mobilità della Città di Brindisi”.

Le ultime fasi e la storia

L’ultimo ostacolo era stato superato il 10 gennaio scorso, quando Comune e Regione avevano stabilito di apportare all’opera una modifica non sostanziale della strada di collegamento tra la Pittachi e la fermata Perrino mediante adattamento della viabilità esistente; l’eliminazione degli adeguamenti previsti alla fermata Perrino, con utilizzo di quella esistente e già funzionante e, contestuale realizzazione di un nuovo parcheggio di scambio. L’impresa ha quindi apportato gli adeguamenti richiesti, consegnando il nuovo progetto definitivo l’11 febbraio successivo. La storia di questa opera era cominciata dieci anni fa con l'inserimento tra le azioni strategiche previste dal ”Piano Nazionale per il Sud” del 26 novembre 2010, che individuava alcuni
obiettivi sui quali convogliare le risorse europee e nazionali rilevanti per lo sviluppo del Mezzogiorno dell’intervento “Shuttle Aeroporto di Brindisi – rete ferroviaria” con una
spesa di 40 milioni di euro da attuare secondo le previsioni della delibera Cipe 1/2011.

Il dettaglio delle modifiche

La relazione tecnica riporta le seguenti modifiche. Riduzione dei tratti di viabilità di nuova realizzazione a soli 865 m. inferiori alla soglia dei 1.050 m. derivanti dalla riduzione del 30% di cui all’art. 4 della legge regionale 11/2001 e successive modifiche e integrazioni, della soglia di 1.500 metri; realizzazione delle nuove carreggiate e della ciclabile in aree di pregio paesaggistico con pavimentazione di tipo drenante al fine di non aumentare le superfici impermeabili; stralcio delle modifiche alla fermata ferroviaria e realizzazione del Terminal Shuttle “Perrino” lato via Lo Spada al di fuori delle “aree di rispetto” del lago e del bosco del Cillarese con previsione di pavimentazioni permeabili; verifica delle barriere antirumore previste in progetto; aggiornamento della relazione di gestione materie alla nuova normativa del Dpr 120 del 2017.

Inoltre: trattamento delle acque meteoriche a monte dello scarico con vasche di accumulo a perfetta tenuta stagna dotate di sistema di grigliatura e dissabbiatura, alimentazione che consente di escludere le stesse a riempimento avvenuto e accorgimenti tecnici che ne consentono lo svuotamento entro le 48 ore successive nel rispetto del Rr Puglia n. 26/2013; esplicitazione delle analisi e dei campionamenti effettuati sui terreni; posizionamento dei cantieri fissi al di fuori di aree ad elevato rischio, adozione di misure di allarme per la segnalazione di eventi eccezionali di deflusso delle acque in tutti i cantieri e predisposizione di idonee misure di sicurezza in accordo con il responsabile unico del procedimento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine, realizzazione dell’approdo Metromare “Cillarese” su piattaforma galleggiante e sulla costa Nord di Ponente, in modo tale da non costituire ostacolo al deflusso delle acque ed alle operazioni della Marina Militare; ristrutturazione del capannone esistente per la realizzazione del Deposito Shuttle prevedendo interventi che rientrano nella manutenzione straordinaria senza incremento di carico urbanistico; stralcio delle lavorazioni in ambito ferroviario e verifica di rispondenza al Rr. Puglia n. 13 del 22 agosto 2006 sul contenimento energetico.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Brindisi usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapinatori armati di mazza nel centro commerciale Le Colonne: caos tra gli avventori

  • Nuovi contagi nelle scuole: positivi a Brindisi, Ostuni, Ceglie e Fasano

  • Coronavirus: nuovo picco in Puglia, contagi in aumento a Brindisi

  • Positivi al covid andavano a lavorare in campagna: denunciati

  • Bambino positivo al Covid: lo sfogo della zia, contro ignoranza e maldicenze

  • Coronavirus, escalation di ricoveri. Nel Brindisino continuano ad aumentare i positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento