rotate-mobile
Domenica, 16 Gennaio 2022
Economia

Nautica, al Salone di Genova 200 contatti d'affari per gli operatori pugliesi

BARI – Oltre 200 contatti commerciali tra gli operatori della nautica pugliese e quelli dia altre regioni e di Paesi esteri sono il segno del successo della partecipazione al salone di Genova 2010 della Puglia, presentatasi come area dove si lavora per un sistema integrato tra cantieristica e approdi per il diporto. Al salone, la Puglia è stata presente con uno grande stand riservato alle relazioni istituzionali ma soprattutto agli incontri conoscitivi e di affari.

BARI - Oltre 200 contatti commerciali tra gli operatori della nautica pugliese e quelli dia altre regioni e di Paesi esteri sono il segno del successo della partecipazione al salone di Genova 2010 della Puglia, presentatasi come area dove si lavora per un sistema integrato tra cantieristica e approdi per il diporto. Al salone, la Puglia è stata presente con uno grande stand riservato alle relazioni istituzionali ma soprattutto agli incontri conoscitivi e di affari.

Soddisfatto il presidente del Distretto Produttivo della Nautica da Diporto in Puglia, il brindisino Giuseppe Danese: "La partecipazione del nostro Distretto al Salone Nautico Internazionale di Genova - ha dichiarato Danese - ha fatto registrare risultati fortemente positivi. Gli incontri tenuti dalle singole imprese presenti al Salone e quelli delle aziende del Distretto ospitati all'interno dello stand della Regione Puglia, hanno ottenuto ottimi esiti. È emerso che diversi soggetti imprenditoriali italiani ed esteri intendono fare investimenti in Puglia. Questo permetterà di allargare gli orizzonti del Distretto. Gli incontri con rappresentanti della stampa nazionale e internazionale, poi, hanno consentito di proporre al mondo della nautica le potenzialità del sistema pugliese e delle sue eccellenze".

In questa direzione hanno costituito un primo e fondamentale passo verso la costruzione di importanti relazioni internazionali, gli incontri di presentazione promossi dalla Regione, in collaborazione con l'Ice (Istituto per il Commercio Estero) e l'Ucina (Unione Nazionale dei Cantieri e delle Industrie Nautiche e Affini) tra gli imprenditori pugliesi della nautica e le delegazioni provenienti da Argentina, Brasile, Cina, India, Inghilterra, Stati Uniti d'America e Vietnam.

"Questo Salone - ha detto la vice presidente della Regione Puglia nonché assessore allo Sviluppo, Loredana Capone - ha rappresentato una grande occasione per le nostre imprese della nautica. Ci sono ottime probabilità che i buoni contatti avviati nei giorni della manifestazione si traducano a breve in contratti. Con le politiche di accompagnamento regionali e l'apporto del Distretto produttivo, il settore della nautica pugliese ha tutte le carte in regola per diventare un settore trainante e crescere sui mercati esteri, a patto che le imprese sappiano cogliere, come hanno fatto a Genova, le grandi opportunità offerte dall'internazionalizzazione".

La Puglia, ha dichiarato Loredana Capone, si candida così a diventare il più grande porto turistico per navi da crociera e grandi yacht del Sud Italia, con più di mille posti barca e investimenti per centinaia di milioni di euro dal Gargano al Salento, e il settore della nautica a diventare uno dei fattori trainanti dell'economia regionale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nautica, al Salone di Genova 200 contatti d'affari per gli operatori pugliesi

BrindisiReport è in caricamento