Elezioni

Ecco i tre candidati alle primarie: Carluccio, Boccuni e Guadalupi

Un giovane vice presidente uscente del Consiglio comunale di Brindisi, Pietro Guadalupi, un maresciallo dell'Arma dei carabinieri in pensione, Enzo Boccuni e un avvocato civilista, Angela Carluccio, sono i candidati alle primarie della coalizione trasversale che raggruppa Conservatori e Riformisti, Noi Centro, Impegno sociale, Democratici di sinistra e Repubblicani, fino a una frangia di "eretici" del Partito democratico.

Un momento della presentazione a Palazzo Nervegna; in basso i tre candidati, da sinistra a destra: Pietro Guadalupi, Angela Carluccio, Enzo Boccuni

BRINDISI - Un giovane vice presidente uscente del Consiglio comunale di Brindisi, Pietro Guadalupi, un maresciallo dell’Arma dei carabinieri in pensione, Enzo Boccuni, e un avvocato civilista, Angela Carluccio, sono i candidati alle primarie della coalizione trasversale che raggruppa Conservatori e Riformisti (Guadalupi), Noi Centro (Carluccio), Impegno sociale (Boccuni), Democratici di sinistra e Repubblicani, che non presenteranno un candidato, ma parteciperanno al raggruppamento, fino a una frangia di “eretici”, come si è definito Salvatore Brigante, del Partito democratico.presentazione alleanza 2-2-2

Hanno scelto la saletta del bar all’interno di Palazzo Nervegna per presentare alla stampa e ai sostenitori i tre prescelti per le primarie che si terranno domenica 10 aprile nei quartieri della città. 

“Ci troviamo qui per il bene della città - Salvatore Brigante, iscritto al Pd, ma tra i promotori della nuova coalizione, è il primo a prendere la parola e a delineare le linee guida dell’alleanza - chiediamo alla cittadinanza di scegliere, grazie alle primarie, il prossimo candidato sindaco”.

È un fiume in piena l’ex consigliere comunale che, seduto accanto a Luciano Loiacono, presidente uscente del Consiglio comunale, anche lui  ex Partito democratico, e Toni Muccio, Noi Centro, ruba la scena ai tre candidati.presentazione alleanza 6-2

“Noi siamo chiari, la politica del carbone non ci piace più - un’affermazione che, per un istante, provoca una smorfia nel volto del candidato Guadalupi - chi sarà scelto dai cittadini non avrà dirigenti dell’Enel in prima fila (una stoccata al candidato sindaco del Partito democratico, Nando Marino che proprio durante la sua prima presentazione pubblica ha avuto come spettatore il responsabile alle relazioni esterne del colosso energetico, Angelo Di Giovine, ndr)”

Ma i riferimenti al presidente dell’Enel basket Brindisi non finiscono qui, a Brigante non è andata proprio giù la scelta fatta dal suo partito: “Io non capisco la scelta del Pd che ha obbligato la città a consumare questo passaggio con una persona per bene, ma con una storia praticamente opposta al riformismo del partito democratico, una persona che ha un neo (lo definisce così, ndr): un rapporto con l’Enel. Come si comporterà se dovesse venire eletto?”

Su questa domanda interviene Pietro Guadalupi che, stizzito, cerca di riportare il discorso sui binari prefissati: la presentazione dei candidati alle primarie.presentazione alleanza 1-2

“Siamo qui per presentarci alla cittadinanza e non per risolvere beghe all’interno del Pd - spiega Guadalupi, ex Forza Italia e ora nelle file dei Conservatori e Riformisti - vogliamo far capire alla gente che si può lavorare insieme, superando i colori e le direzioni politiche. Ci sono argomenti che troveranno, all’interno della coalizione, posizioni differenti, ma ci confronteremo per il bene di Brindisi. Sono convinto di questo”.

Tra speranze e classici buoni propositi però la preoccupazione è proprio quella, la grande trasversalità, le storie personali, così differenti, dei protagonisti della coalizione. Agire per il bene della città è fondamentale, ma è altrettanto importante capire con quali metodi si giunge al risultato, seguendo quali direzioni, quelle più vicine ad un’ottica di destra o quelle con un respiro più di sinistra?

Domande che non possono, per il momento, trovare risposta, soprattutto senza un programma scritto e condiviso.

Per quanto riguarda le primarie, si terranno, come già detto, domenica 10 aprile, si potrà votare, muniti di documento di riconoscimento, nelle 13 postazioni allestite nei 13 quartieri cittadini.

Gazebo primarie Brindisi-2 Primarie Brindisi-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ecco i tre candidati alle primarie: Carluccio, Boccuni e Guadalupi

BrindisiReport è in caricamento