Francavilla: riflessioni sul messaggio del Papa

Le associazioni di Azione Cattolica delle parrocchie San Lorenzo Martire, Maria SS. del Carmine, Spirito Santo e Maria SS. della Croce della città di Francavilla Fontana hanno organizzato per domenica 28 febbraio una riflessione pubblica sul messaggio di S.S. Benedetto XVI per la Giornata Mondiale della Pace dell'1 gennaio 2010 “Se vuoi coltivare la pace difendi il creato”.

FRANCAVILLA FONTANA - L’Azione Cattolica Italiana della diocesi di Oria, nel quadro delle attività formative, celebra nel mese di febbraio la Settimana Sociale, in preparazione alla Settimana Sociale Nazionale 2010, che ha per titolo “Democrazia per il bene comune: protagonisti di una nuova società”.  Le associazioni di Azione Cattolica delle parrocchie San Lorenzo Martire, Maria SS. del Carmine, Spirito Santo e Maria SS. della Croce della città di Francavilla Fontana hanno organizzato per domenica 28 febbraio una riflessione pubblica sul messaggio di S.S. Benedetto XVI per la Giornata Mondiale della Pace dell'1 gennaio 2010  “Se vuoi coltivare la pace difendi il creato”. L' iniziativa, che avrà luogo in viale Lilla in corrispondenza della Chiesa della Madonna di Pompei dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 17.30 alle ore 22, ospiterà una cartellonistica inerente le tematiche affrontate nel messaggio papale e visitabile dai cittadini ai quali saranno, inoltre, distribuiti brevi messaggi sull’argomento e sarà sottoposto, da parte dei giovani delle suddette parrocchie, un questionario inerente il messaggio del Papa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donna muore al Pronto soccorso: negativo il test del coronavirus

  • Virus, paziente in valutazione al Perrino. Treno bloccato a Lecce

  • Virus, declassato caso sospetto, ma resta l'isolamento. Un altro oggi

  • Detenuto ai domiciliari ingerisce acido: morto dopo dieci giorni di agonia

  • Flacone di amuchina a prezzo quintuplicato: nei guai un commerciante

  • Coronavirus: primo caso positivo al test in Puglia

Torna su
BrindisiReport è in caricamento