menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Per tre giorni Ostuni capitale mondiale della Dieta Mediterranea

Conferenza Internazionale "Mediterranean Diet and Health. A Lifelong Approach" Ostuni 2017. Partecipazione degli studenti dell'Istituto E. Ferdinando di Mesagne

OSTUNI - Si terrà i prossimi 30, 31 Marzo e 1 Aprile ad Ostuni la prima conferenza internazionale sulla Dieta Mediterranea, sui corretti stili di vita, sulle innovazioni in campo tecnologico, e sui risvolti che tutti questi elementi hanno sulla Salute delle persone.

La cerimonia di inaugurazione del notevole evento scientifico si terrà presso l'Hotel Monte Sarago giovedì 30 Marzo, con l'intervento di apertura del professor Gaetano Crepaldi, presidente della Fondazione Dieta Mediterranea, e del dottor Luigi Ferrucci, direttore dell'Istituto Nazionale per l'Invecchiamento degli Stati Uniti, quindi una Degustazione di Oli Extravergine d’Oliva a cura del dottor Massimiliano Magli e del dottor Stefano Predieri, dell’Università di Bologna. I seguenti 31 marzo e 1 aprile si svolgeranno i lavori congressuali, con il coordinamento del Direttore Generale della Fondazione Dm, dottoressa Stefania Maggi, Direttore Scientifico dell'Istituto di Neuroscienze del Cnr di Padova e Presidente dell'Associazione Europea dei Medici Geriatri.

Prof. Gaetano Crepaldi, presidente Fondazione Dieta Mediterranea-2

L’iniziativa è stata fortemente voluta dalla Fondazione Dieta Mediterranea, ente no profit la sui sede nazionale è proprio ad Ostuni, che opera a livello nazionale ed internazionale per la promozione di stili di vita sani e sostenibili, e nella diffusione della cultura della Dieta Mediterranea, quale Patrimonio Universale dell’Umanità. Le attività della Fondazione si esplicano anche grazie alla collaborazione con i principali Istituti di Ricerca Italiani e del Mondo, come il Consiglio Nazionale delle Ricerche, l’American federation for Aging Research degli Stati Uniti, la European Union Geriatric Medicine Society, la Fondazione Internazionale Menarini, main sponsor della conferenza e una delle più importanti organizzazioni al mondo che si occupa di diffondere conoscenze scientifiche in ambito di Prevenzione e Salute.

La Fondazione Dieta Mediterranea ha avviato una importante collaborazione con la Fondazione Internazionale Menarini, convinta che sia fondamentale favorire attività di sensibilizzazione verso le categorie dei professionisti del settore della Salute in un’ottica di prevenzione delle più importanti patologie legate all’alimentazione ed a stili di vita sbagliati, quali Malattie Cardiovascolari, Diabete, Tumori, Obesità, Demenze.

Al convegno prenderanno parte scienziati di altissimo livello da ogni parte del globo. Per tre giorni Ostuni e il territorio brindisino saranno la capitale mondiale della Dieta Mediterranea. Fondamentale è il coinvolgimento del territorio, grazie all’imponente partecipazione di professionisti di area medica, nutrizionistica e agroalimentare, e grazie al contributo di una delegazione di 40 studenti del Liceo Scientifico E. Ferdinando di Mesagne che frequentano il quinto anno.

Sarà per loro una grandissima opportunità, in quanto i ragazzi potranno vivere un’esperienza importante in termini formativi per gli argomenti trattati, di preparazione al mondo accademico per lo spessore degli interventi, un’anticipazione al mondo del lavoro legato alla convegnistica di altissimo livello, e un esercizio importante per la lingua, in quanto il convegno sarà interamente in lingua inglese.

incontro a scuola FDM-ISS Ferdindando 2-2

Gli studenti, coordinati dal Prof. Francesco D’Alonzo, sono stati invitati ad una partecipazione attiva ai lavori congressuali. A seguito di diversi incontri preparatori all’evento con la Fondazione Dieta Mediterranea, rappresentata dal Dott. Domenico Rogoli, è stato affrontato il tema della Colazione e della Merenda, due pasti fondamentali per la vita dello studente. Da lì i ragazzi hanno dato il via ad una indagine interna sulle abitudini alimentari degli studenti che frequentano l’Istituto, approcciando l’argomento con metodo scientifico e adottando metodi di rilevamento innovativi, sfruttando social network e portali di ricerca (Facebook e Google), in maniera creativa e approfondita.

L’iniziativa, fortemente voluta dal dirigente, Prof. Aldo Guglielmi, ha prodotto una maggior consapevolezza nei ragazzi per quanto concerne l’importanza dell’alimentazione e in termini salutistici, e per i possibili risvolti di sviluppo economico locale, a seguito di analisi relative all’offerta commerciale dei distributori automatici di merendine nelle scuole: essi non rispecchiano le esigenze nutrizionali degli studenti e non rappresentano la tradizione agroalimentari del territorio.

Si apre ad oggi un nuovo capitolo, dove l’attenzione ai temi dell’Alimentazione diventa centrale. La Fondazione Dieta Mediterranea, legata alla città di Mesagne in quanto tra i soci fondatori dell’ente, spinge e sostiene la formazione dei giovani, gli unici in grado di recepire gli elementi innovativi legati a corretti stili di vita e al significato vero di Dieta Mediterranea, e gli unici in grado di trasformare queste conoscenze in occasioni di crescita per il futuro, nella costruzione di una società più sana e che sappia valorizzare il proprio patrimonio in termini di produzione agroalimentare e di tradizione gastronomica.

Le attività e gli interventi si articoleranno secondo il programma consultabile sul sito istituzionale della Fondazione Dieta Mediterranea. Per ulteriori informazioni contattare la segreteria della Fondazione Dieta Mediterranea al segreteria.dietamediterranea@gmail.com oppure visitare il sito https://www.aristea.com/dietamediterranea. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento