rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Altro

Racing. “The Doctor” conquista la Castellana nella finale Tivm di Orvieto

Il ruolino di marcia di Loconte alla 48esima cronoscalata della Castellana è stato da “orologio svizzero”, con due manche fotocopia che hanno relegato gli avversari a lottare per i posti d’onore sul podio, staccati di oltre 7 secondi

ORVIETO - Il portacolori della Eptamotorsport Angelo “The Doctor” Loconte si è imposto senza mezze misure tra le vetture di stretta derivazione di serie alla 48esima cronoscalata della Castellana, gara valida come finale nazionale del Tivm, vera novità di questa stagione targata Aci Sport. Il veloce pilota pugliese, alla guida della Peugeot 308 Gti gestita dalla Dp Racing di patron Claudio De Ciantis ha disputato un weekend perfetto, imponendosi sull’agguerrita pattuglia di avversari già dalla prima salita di prova del sabato, concretizzando nelle due gare domenicali il certosino lavoro di  messa a puto della vettura svolto nell’arco della stagione, che lo ha visto costantemente lottare per le posizioni di testa.

Il ruolino di marcia di Loconte alla 48esima cronoscalata della Castellana è stato da “orologio svizzero”, con due manche fotocopia (3’53”30 in Gara1 e 3’53”80 in Gara2) che hanno relegato gli avversari a lottare per i posti d’onore sul podio, staccati di oltre 7 secondi. "Ci tenevo a far bene alla gara di Orvieto - ha dichiarato Loconte - perché consta di un tracciato bellissimo, perché tornavo alla guida della Peugeot 308 GTi (dopo la parentesi diesel nelle due finali siciliane con la Mini Cooper Sd con cui ha ottenuto due splendide vittorie) e perché volevo chiudere la stagione sul gradino più alto del podio, dando continuità ad una serie iniziata a Luzzi e proseguita a Pedavena, Erice e Caltanissetta. Credo di aver fatto bene sia con la diesel che con il turbo benzina. Per carità, nessuna pretesa di essere considerato un pilota di livello, ma la certezza, quella si, di essere nella mischia di chi vuole sempre arrivare davanti. Ma con lealtà e non per disgrazie altrui. Per questo resto della convinzione di aver fatto la cosa giusta nel non 'approfittare' nel Civm dell’assenza di un grandissimo driver come Antonio Scappa e strappargli un titolo che si è conquistato mostrando una superiorità assoluta. Peraltro, correre contro Antonio mi ha stimolato a osare sempre di più ed i suoi camera car (mai negatimi) mi hanno fatto capire tante cose. Infine devo ringraziare Claudio De Ciantis per il noleggio, l’assistenza ed il contributo adrenalinico fornitomi durante l’intera stagione, Gigi Quaranta e l’Eptamotorsport (scuderia che ha nella professionalità e nella salvaguardia degli ideali umani e sportivi il proprio marchio di fabbrica) e Denny Zardo, un mito che  mi ha aiutato tantissimo e del quale sono onoratissimo di avere conquistato l’amicizia. Viva il 2021. Viva il motorsport". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Racing. “The Doctor” conquista la Castellana nella finale Tivm di Orvieto

BrindisiReport è in caricamento