menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bambino perde il controllo della minimoto e finisce contro una recinzione, è grave

Un bambino di poco meno di 7 anni è ricoverato in gravi condizioni all'ospedale Perrino di Brindisi per le ferite riportate dopo essersi schiantato contro una recinzione di ferro con la minimoto che egli stesso stava conducendo

BRINDISI – Un bambino di poco meno di 7 anni anni è ricoverato in gravi condizioni all’ospedale Perrino di Brindisi per le ferite riportate dopo essersi schiantato contro una recinzione di ferro con la minimoto che egli stesso stava conducendo.

È accaduto in via Fratelli Cervi, una strada che costeggia Parco di Giulio, a Brindisi poco dopo le 11.30 di oggi, domenica 10 aprile, sotto gli occhi del suo papà. Si tratta di un veicolo con motore a scoppio, che era stato però dotato anche di rotelle, e munito di un dispositivo di blocco all’acceleratore installato proprio dal genitore per evitare manovre brusche e situazioni di pericolo. 

Sembrerebbe che sia stato il malfunzionamento di questo dispositivo a far perdere il controllo del veicolo al bambino, ma saranno ulteriori perizie a fare chiarezza sull'esatta dinamica dell'incidente. Fatto sta che dopo un'accelerata improvvista la minimoto è finita contro il marciapiede e il piccolo è stato sbalzato dalla sella andando a sbattere contro la recinzione. Sul posto è stato trovato anche il casco.

L’impatto è stato violento, le condizioni del bambino sono parse subito gravi, è stato portato con urgenza in ospedale da un’ambulanza. Sul posto si sono recati gli agenti della Municipale che hanno eseguito tutti gli accertamenti del caso per ricostruire con esattezza l'accaduto.

Con le minimoto, come sanno gli appassionati, si circola solo in pista ed esistono campionati per questa categoria. I vigili urbani stanno anche accertando il modello che il genitore aveva affidato al bambino: se si tratta di un tipo omologato proprio per le gare, oppure se si tratta a tutti gli effetti di un giocattolo. 

A giudicare dall'esame visivo, non vi dovrebbero essere dubbi sul fatto che si tratta di una moto "vera" a tutti gli effetti, dal telaio in lega leggera ai freni a disco, alla carenatura.

Da quanto appreso, il banbino ha riportato varie fratture craniche, al volto e al braccio destro. I comando dei vigili urbani ha fatto sapere che dopo approfonditi esami strumentali al pronto soccorso in queste ore viene sottoposto ad un delicatissimo intervento in neurochirurgia.

Articolo aggiornato alle 13.25

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il razzo spaziale cinese cade vicino alle Maldive: Puglia "risparmiata"

social

Festa della mamma: quando si festeggia e perché

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento