menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Agricoltori messi in ginocchio dalla siccità: chiesto stato di calamità

La richiesta è stata formulata alla Regione dall'amministrazione comunale di Carovigno: "Danno valutabile intorno al 50-60%"

CAROVIGNO – L’amministrazione comunale di Carovigno chiede “un sopralluogo per lo stato di calamità” da siccità. Tale richiesta è stata formulata all’ufficio provinciale Agricolture e all’assessorato all’Agricoltura della Regione Puglia, tramite una lettera a firma dell’assessora all’Agricoltura, Francesca Sbano.

La Sbano, su segnalazione degli imprenditori agricoli del posto, segala “la grave situazione di siccità persistente che sta interessando l’intero territorio comunale su tutte le colture agrarie”.

“Le scarse e assenti precipitazioni piovose utili ai fini agronomici nel periodo aprile-settembre – si legge nella missiva - stanno avendo ripercussioni sulla produzione lorda vendibile di oliveti e ortaggi e tutte le colture in genere, con danno valutabile intorno al 50-60%”.

Per questo Il Comune di Carovigno chiede l’intervento della Regione. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento