Martedì, 19 Ottobre 2021
Economia

Trenitalia, Vendola sollecita Monti

ROMA - “Non è più il tempo dell’attesa. Il governo deve intervenire immediatamente e con urgenza, chiedendo un significativo cambio di rotta nelle politiche industriali di Trenitalia. Solo attraverso un atto concreto di riequilibrio e riprogrammazione territoriale tra nord e sud, si può sedare quell’inquietudine sociale che è pronta a reazioni ben più forti di quelle alle quali abbiamo assistito in quest’ultimo mese”. Lo ha detto il governatore della Puglia, Nichi Vendola, al termine dell’incontro svoltosi questa mattina a Roma tra i presidenti delle regioni del Mezzogiorno e il presidente del Consiglio Mario Monti accompagnato dai ministri Clini, Passera, Barca e Profumo.

ROMA - "Non è più il tempo dell'attesa. Il governo deve intervenire immediatamente e con urgenza, chiedendo un significativo cambio di rotta nelle politiche industriali di Trenitalia. Solo attraverso un atto concreto di riequilibrio e riprogrammazione territoriale tra nord e sud, si può sedare quell'inquietudine sociale che è pronta a reazioni ben più forti di quelle alle quali abbiamo assistito in quest'ultimo mese". Lo ha detto il governatore della Puglia, Nichi Vendola, al termine dell'incontro svoltosi questa mattina a Roma tra i presidenti delle regioni del Mezzogiorno e il presidente del Consiglio Mario Monti accompagnato dai ministri Clini, Passera, Barca e Profumo.

"Lo scempio perpetrato da Trenitalia nell'ultimo mese azzerando il diritto alla mobilità dei cittadini della Puglia, tagliando i treni a lunga percorrenza e dividendo nettamente in due l'Italia marginalizzando sempre di più il sud - ha detto Vendola - ha fatto da detonatore ad un malessere diffuso e sotterraneo in un momento molto complesso per la vita del Paese, laddove assistiamo alla nascita dei nuovi poveri, fenomeno legato alla crescita della povertà non solo dei tradizionali ceti disagiati ma anche e soprattutto dei ceti medi. In questa situazione il governo deve intervenire immediatamente in quanto proprietario sia delle reti che delle società di servizi".

"Mi conforta però - ha continuato Vendola - l'attenzione che ci riserva il ministro Passera che ha promesso al più presto la convocazione di un tavolo dedicato alla risoluzione della questione Trenitalia". Vendola però ha paventato anche un rischio, quello cioè "di non riuscire a porre con fermezza un problema vitale per il Sud come questo, a causa della facile adulazione e dell'eccessivo conformismo nei confronti del governo Monti che spesso e volentieri avvolgono il contesto nel quale operiamo".

Un rischio che secondo Vendola "potrebbe complicare l'emersione dei conflitti all'interno del Palazzo mentre nelle piazze si accende invece la rivolta sociale". Ecco perché "è indispensabile - per Vendola - che il complesso di tutte le istituzioni pugliesi, di tutti gli attori sociali, economici, sindacali e politici faccciano la loro parte e si mobilitino sino in fondo per portare a risoluzione questa vicenda che può benissimo, oggi, essere raccontata come un grande conflitto sociale". Lotta alla povertà, sanità e politiche industriali sono stati gli altri temi posti al Governo dal Presidente Vendola nel corso dell'incontro di questa mattina.

"Per quanto riguarda la povertà, ci sono situazioni allarmanti a seguito dell'aumento folle della pressione fiscale - ha detto Vendola - soprattutto nel Mezzogiorno dove occorre un intervento strutturale e sistemico. La lotta alla povertà deve essere una priorità nell'agenda del governo Monti perché è necessario voltare pagina e dimenticare le vergognose misure di cancellazione delle politiche del welfare operate dal governo Berlusconi". In chiave sociale Vendola ha posto anche il problema della sanità e dell'approccio, negli ultimi anni, esclusivamente di natura economico finanziario.

"L'unico problema - ha detto Vendola - è stato quello della ricerca dell'equilibrio dei conti. Ma sebbene importante questo approccio, non deve essere certamente l'unico. Occorre infatti trovare un equilibrio tra risanamento e mantenimento delle prestazioni sanitarie. Tagliare senza pensare al servizio è folle perché significa, tra le altre cose, aumentare la mobilità passiva e quindi spendere di più".

Anche sulle politiche industriali, Vendola ha chiesto al governo di ripensarle, anzi di pensarle "dal momento che il governo Berlusconi è stato completamente assente e privo di qualsivoglia direttiva. Il Sud è un luogo che vuole mantenere gli investimenti già fatti e vuole attrarne di nuovi, di moderni e di innovativi - ha concluso Vendola - ma per fare questo occorre che il governo metta in campo serie politiche industriali e decida dove investire per il futuro e lo sviluppo del Paese".

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trenitalia, Vendola sollecita Monti

BrindisiReport è in caricamento