Barocco Festival: tutti gli appuntamenti dal 22 agosto al 27 settembre

La XXIII edizione della rassegna musicale diretta dal maestro Cosimo Prontera è stata presentata stamani in prefettura

È stata presentata questa mattina alle 11.00 nel salone di rappresentanza della Prefettura di Brindisi, in conferenza stampa, la XXIII edizione del “Barocco Festival Leonardo Leo”, rassegna internazionale di musica antica diretta dal Maestro Cosimo Prontera. La rassegna prevede un programma di concerti e approfondimenti sul periodo barocco attraverso le opere di Leonardo Leo, esponente della scuola napoletana del Settecento, nato a San Vito dei Normanni, e di altri illustri contemporanei. Il “Barocco Festival Leonardo Leo” , che ha avuto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, si aprirà il 22 agosto e terminerà il 27 settembre e si svolgerà nel rispetto delle norme anti-Covid. Per partecipare ai dieci appuntamenti in programma la prenotazione sarà obbligatoria. L’ingresso è libero. 

Un momento della conferenza stampa-3-11

BrindisiReport.it ha chiesto al Maestro Cosimo Prontera di parlarci delle novità della XXIII edizione del Barocco Festival:  “La novità intanto è quella di esserci. Veramente è stato complicato organizzare tutto. Fino all’ultimo momento la decisione di tutti gli enti, di tutte le istituzioni che partecipano era sempre in forse per i motivi che a tutti noi sono ben noti. Organizzare un festival di questa portata in pochissimo tempo ha comportato veramente degli sforzi non indifferenti. La novità è, come vi dicevo, di esserci, però all’interno di questo grande contenitore che è il Barocco Festival ci sarà la conclusione del grande progetto che è quello del dramma sacro, averlo riscoperto, averlo acquisito e poi averlo riversato in un Cd. E poi ci sarà un’edizione critica, il dramma sacro di Leonardo Leo: “Dalla morte alla vita di Santa Maria Maddalena”. 

“Vi ricordo, prosegue il Maestro Prontera, “questo è un momento storico per la musicologia e per la musica per quanto riguarda tutta quella fetta che fa parte della Scuola napoletana del Settecento. Un momento storico, perché quest’opera era stata ritenuta dispersa da tutti i dizionari enciclopedici del mondo, da tutti i musicologi, sia locali che internazionali. È stato fantastico riscoprirla, riacquisirla, tenerla come un tesoro. Adesso è custodita presso la Civica Biblioteca di San Vito dei Normanni, biblioteca che faceva parte di quel convento dove certamente Leonardo Leo all’interno di quel chiostro avrà giocato, avrà corso. Sono un musicista e fatemi avere questo momento di poesia. Partirà, il festival, con la presentazione del Cd e quindi con la selezione delle arie, abbiamo scelto le più belle".

"E poi si concluderà con un convegno di musicologia, il 27 di settembre, con uno tra i migliori musicologi che in questo momento l’Italia ha presente, con il presidente della Società internazionale di musicologia, che è Dinko Fabris. All’interno di quel percorso del festival ci saranno: un appuntamento che abbiamo creato contestualmente io e l’attore Luigi D’Elia in merito alla biografia di Leonardo Leo. L’abbiamo ideata da quando parte da San Vito dei Normanni per arrivare a Napoli e diventare una star, con tutti i percorsi della vita, quello da piccolo, da giovane, fino a quello del grande compositore all’interno dei teatri, all’interno di quei circuiti importanti a Napoli, fino ad arrivare al Teatro San Carlo, non ce lo dimentichiamo. Leonardo Leo viene chiamato dall’organizzatore del Teatro San Carlo per rinnovare la buca dei musicisti. In quel momento il Teatro San Carlo era il più grande d’Europa e Leo in quel momento aveva un peso straordinario all’interno del percorso musicale napoletano. Napoli in quel momento era la capitale della musica”. 

Erminia Cicoria, Valerio Carlo Longo e Cosimo Prontera-2

“Detto questo”, aggiunge Prontera,  “ci sarà un concerto dedicato alle cantate napoletane in lingua napoletana. Sarà presentato per noi in esclusiva per il Sud Italia. Dove abbiamo potuto abbiamo replicato gli appuntamenti per far sì che quanta più gente possibile potesse godere di questa musica nel momento in cui stiamo vivendo, ossia la contingenza dei posti ci obbliga a ridurre estremamente il numero delle persone, ma dove abbiamo potuto abbiamo replicato l’appuntamento. L’ultima cosa che mi piace sottolineare è che da questo momento il festival produrrà ogni anno, come già fa, vuole mettere in scena ogni anno un’opera di Leonardo Leo”. 

“All’interno del Barocco Festival ci saranno due appuntamenti, diciamo di approfondimento”, conclude il direttore della rassegna. “Saranno esposti alcuni manoscritti musicali. Esposizione, quindi, di una mostra. Raramente nel Sud Italia si hanno queste opportunità. Scopo, anche, del festival, scopo dell’organizzazione, è quello di spronare i privati che hanno nelle loro biblioteche magari altri manoscritti musicali a farli uscire, a mostrarli, Potrebbero essere molto importanti per un percorso di studi e, perché no, per dare voce a quelle palline che si trovano sui righi musicali, al contrario non varrebbero a nulla”.

Alla conferenza stampa in Prefettura erano presenti oltre il Maestro Cosimo Prontera, il vice prefetto vicario, dottoressa Erminia Cicoria, che ha portato il saluto del prefetto di Brindisi evidenziando come la conferma del festival anche quest’anno, in presenza di vincoli e difficoltà operative, suoni come un segnale di ripresa, di ordinarietà nel rispetto di tutte le regole; il vice sindaco di San Vito dei Normanni, Valerio Carlo Longo, che ha sottolineato come la vita, la storia, le opere di Leonardo Leo siano scolpite nei sanvitesi; il sindaco di Brindisi, Riccardo Rossi, che ha evidenziato come il Covid sia un’emergenza sanitaria, sociale, ma anche culturale, perché tra i settori più colpiti c’è proprio quello della cultura; e il dottor Cascella per Enel, che ha parlato di come l’azienda abbracci storicamente, ogni anno,  il Barocco Festival.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Programma del Barocco Festival Leonardo Leo

Sabato 22 agosto, alle 21.00, presso il Chiostro dei Domenicani, San Vito dei Normanni, concerto inaugurale e presentazione del Cd: “Le vie della Maddalena”. Orchestra barocca La Confraternita de’ Musici;
Domenica 23 agosto, alle 21.00, presso il Chiostro dell’Archivio di Stato, di Brindisi, concerto inaugurale e presentazione del Cd: “Le vie della Maddalena”. Orchestra barocca La Confraternita de’ Musici;
Mercoledì 26 agosto, alle 21.00, presso Area portuale Le Sciabiche, Brindisi, concerto “Commingling” (Commistioni) con Gianluigi Trovesi, clarinetti, Stefano Montanari, violino e direzione. Orchestra barocca La Confraternita de’ Musici; 
Venerdì 28 agosto, ore 21.00, presso il Chiostro dei Domenicani,  San Vito dei Normanni, “Chesta è la regola! L’incredibile storia di “Don Lionardo”. Spettacolo di teatro e musica di Luigi D’Elia e Cosimo Prontera- con Luigi D’Elia. Ensemble Armoniche Stravaganze. Francesco Scarcella direttore al cembalo; 
Sabato 29 agosto, alle 21.00, presso il Chiostro dell’Archivio di Stato, Brindisi, “Chesta è la regola! L’incredibile storia di “Don Lionardo”. Spettacolo di teatro e musica di Luigi D’Elia e Cosimo Prontera con Luigi D’Elia. Ensemble Armoniche Stravaganze. Francesco Scarcella direttore al cembalo; 
Lunedì 31 agosto, alle 21.00, presso il Chiostro dei Domenicani, San Vito dei Normanni, “Non mbide comme struio. Cantate barocche in lengua napolitana”. Ensemble Vorzilloasciutto. Voce solista Rosario Totaro, tenore. 
Dall’1 al 10 settembre presso il Foyer del Nuovo Teatro Verdi, Brindisi, Carte di musica. Mostra di manoscritti musicali a cura di Dinko Fabris e Cosimo Prontera. Inaugurazione: martedì 1 settembre alle ore 19.00. Aperture: dal lunedì al sabato dalle ore 10.00 alle 13.00; 
Mercoledì 2 settembre, alle 21.00, presso il Chiostro dei Domenicani, San Vito dei Normanni, Mozart, Leo, Paisiello. Il tardo barocco e il primo classicismo tra Napoli e l’Europa. Quartetto Educo; 
Dal 12 al 30 settembre, presso la Civica Biblioteca Giovanni XXIII, San Vito dei Normanni, Carte di musica. Mostra di manoscritti musicali a cura di Dinko Fabris-Cosimo Prontera. Inaugurazione sabato 12 settembre alle ore 19.00. Aperture: Lunedì dalle ore 9.00 alle 13.00, da martedì a venerdì dalle ore 9.00 alle 13.00 e dalle ore 15.00 alle 19.00;
Domenica 27 settembre, ore 10.00 presso la Civica Biblioteca Giovanni XXIII, San Vito dei Normanni, Convegno musicologico Il teatro musicale sacro a Napoli al tempo di Leonardo Leo. Presentazione volume Cafagna Edizioni “Dalla morte alla vita di S. Maria Maddalena”.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz della Polizia contro la Scu: otto arresti fra Brindisi e Mesagne

  • Uccisa in casa insieme al fidanzato: lavorava all'Inps di Brindisi

  • Covid: 12 positivi dopo un ricevimento, chiuso un asilo nido

  • Regionali, Amati il più votato: ecco tutte le preferenze nel Brindisino

  • Elezioni regionali, amministrative e referendum: l'affluenza finale

  • Maltempo nel Brindisino: danni e allagamenti, intervengono i vigili del fuoco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento