A Palazzo Pezzola, in mostra lo smartphone come contenitore di vite, migrazioni e migranti

  • Dove
    Palazzo Pezzolla
    Indirizzo non disponibile
    Fasano
  • Quando
    Dal 20/10/2019 al 26/10/2019
    17 - 20,30
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni

FASANO - Sarà inaugurata a Palazzo Pezzola domenica 20 ottobre alle ore 10:00 la mostra “My name is Aisha”, un’installazione artistica multimediale e recitata che sarà visitabile gratuitamente fino al 26 ottobre ogni giorno dalle ore 17.00 alle ore 20.30.   

Un progetto ideato dalla compagnia teatrale “Piccola Fanteria Carillon” con Sergio Fantoni e Laura Carioni che racconta storie di migrazioni attraverso i cellulari. Aisha vuol dire “vita”. Un cellulare può contenerne una fetta. Lo stesso telefono che permette di mantenere i contatti con la propria comunità, la propria famiglia, i propri amici. 

Per chi attraversa deserti, viaggia nascosto tra le merci di un camion, sopporta le onde del Mediterraneo, lo smartphone o un semplice cellulare è un’opportunità di sopravvivenza. È il modo per orientarsi e mettersi in contatto con chi può salvarli. 

Questa installazione multimediale raccoglie le loro voci e cerca di offrire a ciascun spettatore un’opportunità di ascolto, di contatto, su una porzione di spiaggia che evoca quella toccata dai migranti dopo interminabili giorni di viaggio. Le migrazioni sono sempre state una componente fondamentale della storia umana. I viaggi alla ricerca di nuove speranze non si esauriranno mai. 

Il progetto “My name is Aisha” è un progetto itinerante e dinamico, in continua evoluzione. Ad ogni tappa infatti cresce e si arricchisce di testimonianze, rispettando quella che è la natura stessa delle migrazioni. Un processo in divenire, insomma, a cui di volta in volta si aggiungono voci dal mondo.

Alcune note sul Festival “Tempeste”

La seconda edizione del Festival “Tempeste - immagini, suoni, racconti dal Mediterraneo” è promossa dal Comune di Fasano ed ammessa a finanziamento del bando regionale “Pace e sviluppo delle relazioni tra i popoli del Mediterraneo”. 
Dal 15 settembre al 31 ottobre, dopo il successo dello scorso anno, la città di Fasano ospita una serie di eventi culturali completamente gratuiti e aperti al pubblico per accendere i riflettori attraverso i diversi linguaggi dell’arte su grandi temi come: migrazione, pace e cooperazione internazionale.

Partner del festival sono: 
“Coordinamento Nazionale Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani”, “Emergency”, Comitato locale di Brindisi di “Unicef”, “Terra! onlus”, “ARCI” Brindisi, “CGIL” di Brindisi, la cooperativa “Radici Future”; l’associazione “Le Nove Muse”; il Comitato locale di Croce Rossa Italiana di Fasano e la sezione locale del C.I.F (Centro Italiano Femminile). 


 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

I più visti

  • Il teatro è servito: la programmazione del Kopò

    • dal 12 ottobre 2019 al 10 maggio 2020
    • Teatro Kopó Brindisi
  • Tour di spettacoli a Brindisi con il Performing Arts Festival, prima edizione

    • dal 28 novembre 2019 al 26 aprile 2020
  • Sei spettacoli per la nuova stagione di prosa a Ceglie

    • dal 17 gennaio al 5 aprile 2020
    • teatro comunale
  • Terza rassegna teatrale “Domenico Modugno” al don Bosco di San Pietro

    • dal 19 gennaio al 18 aprile 2020
    • teatro DonBosco
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    BrindisiReport è in caricamento